• 12740 Grono - Mercatino San Clemente
  • 12726 Cose strane ... scusate ... scale strane!
  • 12691 Autunno
Storie e leggende
lunedì 19 giugno 2006.
ANIMALI NEI NOSTRI PROVERBI

Animali nei nostri proverbi

I nostri antenati, in maggioranza contadini e anche cacciatori, erano a diretto contatto quotidiano con tutte le specie animali della zona, domestiche o selvatiche, che conoscevano bene nel loro comportamento e peculiarit.
Spesso per i loro proverbi facevano intervenire le bestie, per meglio spiegare il concetto.
Presento qui una serie di proverbi di Mesolcina e di Calanca in cui si fa riferimento ad animali.
Non specifico in quale dei tanti nostri dialetti ogni singolo proverbio si riferisce, poich considero il lettore interessato assai cognito su tutti i nostri dialetti, che variano da villaggio in villaggio, non di rado con notevoli varianti, ma che infine, se ben si osserva, si riallacciano tutti ad un’unica forma originale. Comincio con gli animali domestici.

Asini, cavalli, muli

-  El va a cat l’sen che l’ a cavl - Mancnza de cavi, sen trta - A fa del bgn ai sen, se divnta mi - L’cc del padrn l’ingrassa el cavl - Ul viln e l’sen i nasci in tol medsom prtul - Fin ch’en gh’ en gh’ [di roba da mangiare] e quand n gh’ pi el crpa l’sen e chll che gh’ su - sen prta la pia, sen la mia - El val pisse om grann de pver che ‘n tcch d’sen - Fmen, sen e nos i v man gropos - La malata la vgn a pass de cavll, e la va a pass de lumga - Tucc i poldro i rmp la cavza; chi no la rmp i la spza - L’ mei un sen vif, che ‘n dotr mrt - I san i va atrn al muln per vgh la crusca - Cavl gram, cavl bn, ghe v el spern (o el bastn) - Balzn de vun, dghel a nissn, balzn de du, dghel a quaidn, balzn de tri, tgnel per ti, balzn de quter o vndel o bartel - Certi cavi l’ mi prdei che trovi - Cavl de vetra, fa proft, ma pch el dura.

Vacche, vitelli, buoi

-  Ol pro m el ga del bn, crapa la vaca el ghe vanza el fn; e se la vaca la ghe scmpa, el fn ghe manca - Chi che po’, i mazza na vaca e p anch el b; chi che po’ miga, i mazza gnanch na furmga - Pura chla ca’ che da vcc no la sa; e pura chla sgia che no sa da vaca vgia - El formentn el vgn bel, se gh passa la vaca col so vedl - So trno dicir [ottobre], chi che ga fgn de macc i po’ fas scir; so trno de Samartn, chi ca ga la vaca i po’ fan on fin - L’ la vaca vgia che fa red [riempire] la sgia - La bocc l’ mai strcca, finch la sa mighi da vacca - Le vacche belle le lasse la padelle [fanno poco latte] - El denta gi de vedl che ch’el sar de b - Se i b i ga prpi via de ar, l’ intil ciffol - Quand el b el v miga lavora, tu po’ canta, tu po’ canta - L’ mi tira su vedi che matn.

Maiali

-  El negozint e ‘l prch, i sa psa dopo mrt - El porscl che l’ insc brutt, el d lard, salm e prestt - Dmen, dmen, dis el porscl; dmen, dmen che ‘m fai bl.

Capre, pecore

-  Cura magra la sta mai bn, fin che grassa no la vgn; quand che grassa l’ devegnda, la vorss mai vss al mnd nassda - La cura la scern, la cr e la ‘s lomnta, finch magra la diventa - A San Mich [29 settembre] la cura la alza i p - I curi i pss spttal [golose] che i vach - Intnt che la pgra la ba, la prd el bocn - Chi ca po’ miga port la so pl, l’ no trista pgor - La pgora la sara piss bna, se la gavss la bca in montagna e ‘l cu in campagna - La pgora se altro no la fa, la d ledm in quantit.

Cani, gatti

-  Tucc i can i mna la ca, tucc i coin i v di la sa - Gnach i can i mna la ca per gnnt - Malfdet smper da un can che tas - Chi ca castga la cgna, ul can u so scnd - A men i man ogh despisc fin ai can - Can che bba o mrd miga - L’ miga ol can che o buba cat fa del mal, ma l’ ol gat cat carza - La gta premursa la fa i gatn rb - Gurdat da qula gta che davanti lat lcca e de dr lat sgrffa - El gat a la cardnza, com’el fa, el pnsa - Un gatt scott, u tm l’aqu frgia - Grida miga gatt, finch l’ miga in tel sach - Quai vlt a consigli, l’ coma insegngh al gat a rampig - Da quel can che ‘l ga ‘l c bass, vlta strda e slnga el pass.

Galline, polli, pulcini

-  Trista chla ca’ in d chi canta i galna e che ul gal o tasc - Gi che la vaga bn, che la vaga mal come la vo l, mangm galna col bch de lgn - La prima galna che canta l’ chla che la facc l’f - El val pisse l’f inche che la galna domn - Meno galna, meno pivda - Cura prima i t poil, che dopo curar i me gi - Quant el gal el canta sul letm, el tmp l’ brut o che ‘l divnta gram - Chi de Verdbi per domestig i poie, iai taca su al cadene [legno verticale in mezzo all’antico focolare, a cui si appendevano le pentole, con parecchi buchi per regolare l’altezza] - Da galna es nass, da poi es sgarla - Galna vgia la fa bn brd.


Proseguo con la selvaggina, altri animali e insetti.

Lepri, camosci, volpi, lupi

-  La lura la sa cipa senza crr - Cant la lure l’ in corse, ttt i can igh bai dr - Chi de Cama i ciap un cams; chi de Lgia i a la compr e i la vend a chi de Grn per un po’ de formcc grat - La glp la prd el pl, ma miga i vizi - Quand i vlp i sa consglia, on va ser el pul - La glp che riva miga a catta l’uga, la se scusa col dii: l’ zrba am - Es parla del luf, eg spnta el zuf.

Serpenti, rane, topi, lumache

-  La zrpa la ga ol veln in la c, e la fmen in rabgia la gl tt in la vita - Balss com’i biss, sincr com’i colmb - Se la rana la gavss la ca, chiss cosa la farss - L’invrn l’ mai maiu i rat - O sta piss bgn on ratt in bocca al gatt, che ‘n pro divol in man de l’avoct - Se la lumga l’ voltda in dnt, la marca vnt; se l’ voltda in fra, la marca brutt tmp.

Uccelli

-  Cant ul cuc u canta dopo la cargda, u madra ul gran fin in Bolda - Ind che canta ol ccch, daff on gh daperttt; ind che ol ccch no’ canta, daff no’ manca - In mancnza de mrli, es mangia anca drsc [tordi] - Una rndul sola la fa miga primavra - Mi un psser in padla, che ‘m fasn in piantla - Alscl [uccello] de gabgia, o co canta per amr o per rabgia - La sciggna de Pertss, la sta st an a fa s on fss; ol fss lal laga tac al aspa, da San Martn fin a la Pasqu.

Insetti

-  Msch e tavn i vgn e p i van; i secaglria i gh tutt l’an - Ann de vsp, invrn prst - Dane fa dane, e picc fa lnden - In tel ms d’agst egh va via un car de ples egh en vgn du de msch - I msch de i sfich d’agst i gh’a la fvra da la vita e i velens - Chi ca mita la frumga d’estt, i imprsta miga de mai l’invrn - El fa pisse ciaer um fugazze [lucciola] dennz, che ‘m lampin dedre.

Assieme ai proverbi ci sono poi tutti i modi di dire dialettali, sempre con l’intento di spiegare pi efficacemente le cose.

Per esempio: Manda el car dennz al b - Capii n b, n vaca - L’ nacc via senza dii n b n vaca - L’ come tacgh su no mssola a un porscll - El po’ basa no cura in mzz ai chrn [di uno molto magro] - Vignii rss come ‘l cuu de la glp - L’ come dagh un biscottn a un sen - eccetera.

Il dialetto, con la sua continua trasformazione gi in passato, per via dei vocaboli portati in patria dagli emigranti rientrati da terre d’altra lingua, qualcosa di vivo, anche se gli esperti dicono che si sta appiattendo, il che vero ma fino a un certo punto.
I proverbi e i modi di dire dialettali non sono che il condensato della saggezza dei nostri antecessori.
Sta a noi mantenere sia il dialetto, sia quanto racchiuso nei vecchi proverbi e modi di dire, ci che significa dare importanza e risalto a una parte della nostra cultura.

Cesare Santi

top

“Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si pu sottrarre.”

ORIANA FALLACI

 
Sponsors