• 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
  • 14617 Apphalthopolis
  • https://www.vorsorge-gr.ch/it?source=ilmoesanom
  • https://www.vorsorge-gr.ch/it?source=ilmoesanof
Pubblicità pagina principale
sabato 15 agosto 2020.
http://www.ilmoesano.ch/article7502
Santa Teresa, allodole a distesa (15 OTTOBRE)
di Teresio Bianchessi

Santa Teresa, allodole a distesa (15 OTTOBRE)



Sino agli anni quaranta il cacciatore era una figura che s’inseriva di diritto nella cornice agreste: fucile a doppia canna a tracolla, attorniato da cani scodinzolanti e inquieti, per lo più solitario, trascorreva giorni interi, dall’alba al tramonto, nei campi inseguendo un fagiano o una improbabile lepre instaurando con la selvaggina una battaglia di spostamenti e di posizione che spesso perdeva.
Se vittorioso, il suo rientro in paese era trionfale; anche i cani sentivano l’eccitazione della vittoria e il cacciatore, visibilmente soddisfatto, si avviava verso casa appagato dagli sguardi lanciati e alla sua cintola, da dove pendeva un fagiano o una pernice o un’allodola, e al carniere da dove sbucava, ai due lati, testa e coda della lepre.
La selvaggina catturata sarebbe poi finita all’osteria per una rara e festosa cena tra amici.
Nel tempo della caccia il cielo era spesso attraversato da stormi d’uccelli che migravano verso terre più calde e nella seconda metà d’ottobre, appunto intorno al giorno di Santa Teresa, il passaggio delle allodole era così maestoso che il loro numero gonfiava smisuratamente il cielo.

top

Se il tuo lume brilla più degli altri siine felice ma non spegnere mai il lume degli altri per far brillare il tuo.

Proverbio cinese

 
Sponsors