• 9113 My Charm - Moesa d’AUr
  • 8344 Fuori ... posto!
Regionale
domenica 19 febbraio 2017.
Parole di commiato da Reto Togni pronunciate dalla sorella, Nicoletta Noi-Togni, sindaca di San Vittore, il 17 febbraio 2017, nel cimitero di San Vittore

A nome del Municipio di San Vittore e certa di interpretare il pensiero ed il sentimento della popolazione di San Vittore e della nostra regione, desidero pronunciare qualche frase di apprezzamento e di ringraziamento sulla tomba di Reto Togni. Paese, San Vittore, nel quale Reto è nato nel 1927, figlio di Renato Togni e di Alice Storni. E paese al quale è stato fedele lungo questi quasi 90anni ed al quale ha dato molte delle sue migliori forze fisiche e psichiche. Iniziando dalla sua attività di sott’ispettore forestale che ha esercitato per 27 anni, amando e curando i boschi e il territorio, passando all’attività sportiva che l’ha visto fondare l’hockey club e l’Associazione di calcio San Vittore, della quale è stato il primo presidente, nonchè detentore di parecchi titoli di sport individuale. Ma è nella politica istituzionale che Reto ha espresso maggiormente le sue capacità. Accedendo appena 20enne alla segreteria del Tribunale penale del Circolo di Roveredo, diventando poi - nel 1961 - deputato in Gran Consiglio per lo stesso Circolo, carica che avrebbe conservato per 22 anni, membro del Consiglio d’amministrazione della Ferrovia Retica e della Banca cantonale della quale è stato il primo grigionitaliano eletto nel Direttorio. Per 6 anni Reto Togni è stato vicesindaco del Municipio di San Vittore impegnandosi per la costruzione della palestra, la realizzazione di posteggi in paese e partecipando alle trattative con il Cantone e la Confederazione che hanno riguardato la A13, impegnandosi per ottenere l’area di servizio di San Vittore e per la sede dell’Airgrigia. I temi della sua politica sono stati quelli agrari – ha tra l’altro rifondato la Società agricola mesolcinese -, del territorio, dell’occupazione lavorativa ma anche quelli istituzionali. Non dimentichiamo che Reto ha fondato, nella sua prima sessione di Gran Consiglio, la deputazione del Grigionitaliano diventandone il primo presidente. E non dimentichiamo i 63 anni di appartenenza al Patriziato di San Vittore ed i 30anni nei quali è stato segretario del Consiglio parrocchiale. E neppure i più di 30anni trascorsi occupandosi di uno dei giornali di Valle, la Voce delle Valli, del quale è stato redattore. In questa veste Reto ha scritto, tra l’altro, più di mille necrologi segnalando il suo rispetto nei confronti della morte e del dolore delle persone. Una dimensione quella della morte e del dolore degli altri che aveva espresso anche qualche mese fa raccomandandomi di ricordare nelle assemblee comunali le cittadine e i cittadini che sono morti a San Vittore. Cosa che io farò!
Chiudendo questo discorso, e parlando ora come sorella di Reto, permettetemi di accennare alla qualità che io in Reto ho appezzato di più e cioè la generosità. Non solo quella di mettere il suo tempo e la sua forza a disposizione della cosa pubblica ma anche quella più vicina alla gente, alla vita di ogni giorno. Episodi quali quello raccontatomi da una donna che, rimasta sola d’inverno con tre bambini piccoli ed in grave difficoltà economica si era ritrovata il mattino la legnaia provvista di quanto aveva bisogno per riscaldare la casa, ed altri simili, mi hanno fatto apprezzare ed amare mio fratello. So che, prescindendo dalla politica e dai fatti personali, sono queste le azioni che ce lo hanno reso prezioso e che hanno fatto di lui l’uomo che è stato. Grazie Reto, grazie alla tua famiglia che ti è stata sempre vicina, in modo particolare a tua figlia Silvia per la cura di questi ultimi anni. Anche da parte loro ringrazio Don Taddeo per la benedizione, ringrazio Chiara Pedrazzetti per la bellissima musica, ringrazio il nostro portabandiera e tutti voi che avete voluto dare l’ultimo saluto a Reto.

Quando muore un uomo che ha dato tanto, per un momento, tutto si ferma e il silenzio parla ai cuori e alle menti.
Condoglianze ai familiari e parenti tutti anche da parte della Redazione del giornale.

top
 
Sponsors