• 10146 Bracconaggio nel triangolo retico
  • 9113 My Charm - Moesa d’AUr
  • 8344 Fuori ... posto!
Editoriale
venerdì 3 marzo 2017.
Tra populismo e demagogia

Sempre più spesso, nei dibattiti o sulla stampa, si sente parlare di “populismo” e sempre più spesso il termine viene utilizzato, ad arte, per sminuire o mettere in ridicolo l’avversario, facendo trapelare che il "populista" dice certe cose solo per ottenere il consenso del popolo, della massa! Il fatto è che una volta fatta passare una simile teoria, almeno tra i più disattenti, è più facile usarla per colpire gli avversari e deleggittimarli agli occhi dei futuri elettori!
Il populista, per i partiti di sistema, è un immaturo, uno che parla alla pancia della gente per risvegliare umori negativi e per questo non è adatto a governare, anzi non deve governare (e tutti i mezzi sono leciti per impedirglielo) perché se dovesse farlo riporterebbe il suo paese al periodo feudale causando guerre e disastri vari.
È tanta la stima che i politici di mestiere hanno del popolo, di noi dunque, che non si peritano nemmeno di usare termini appropriati e veritieri per screditare gli avversari e incantare le masse, tanto le masse sono ignoranti e restano abbagliate da qualsiasi termine ad effetto che gli viene propinato!
Andiamo allora a vedere qual è il vero significato di populismo!
Cito: Populismo deriva dall’inglese “populism”, a sua volta traduzione del russo “narodničestvo” (“narod” in russo significa, appunto, “popolo”), parola che denomina un movimento nato nella Russia imperiale alla metà del XIX secolo, il cui scopo era l’emancipazione delle masse contadine dallo stato di povertà e il superamento dello zarismo per giungere ad una società democratica, che poteva essere, a seconda delle visioni, “occidentalista” (cioè liberale) o di stampo socialista.
Populismo, allora, non è una parolaccia e quindi chi viene appellato con tale termine deve essere orgoglioso di sentirselo dire perché significa che è un portavoce del popolo, uno che vuole migliorarne la sua posizione in modo democratico e costruttivo!
Un appellativo che non molti politici meritano!


Giuseppe Russomanno
top
 
Sponsors