• 10279 Concerto di musica classica a Soazza
    Domenica 30 aprile 2017
  • 10256 Giornata Mondiale del Libro 2017
  • 10255 Giornata Mondiale del Libro 2017
  • 9113 My Charm - Moesa d’AUr
  • 8344 Fuori ... posto!
Varie
venerdì 24 marzo 2017.
Mostra sulle neofite (o piante esotiche) invasive nella Mediateca a Roveredo
di Lino Succetti

Ailanto, ambrosia, poligono del Giappone, paulownia, verga d’oro del Canada, panace di Mantegazzi e altre, specie che per decenni hanno vissuto nei giardini e nei parchi delle zone urbanizzate stanno colonizzando anche i nostri boschi e causando grossi problemi: a dirlo sono stati gli ingegneri forestali Luca Plozza e Lorenzo Schmid venerdì 17 marzo inaugurando la mostra sulle neofite invasive nella Mediateca comunale di Roveredo. La mostra rimarrà aperta fino alla fine di aprile durante gli orari d’apertura della Mediateca.
Come spiegano le numerose pubblicazioni scientifiche consultabili pure in rete, le neofite o piante esotiche invasive sono specie non indigene (provenienti in generale da altri continenti) introdotte intenzionalmente o accidentalmente. Esse riescono a stabilirsi in natura, riproducendosi e diffondendosi in modo importante a scapito delle specie indigene. In Svizzera si sostiene la prevenzione contro l’introduzione di nuove specie invasive e il controllo, o l’estirpazione, di quelle già stabilite.
Diverse organizzazioni internazionali si preoccupano dell’argomento come anche una grande parte dei paesi europei. In Svizzera le neofite invasive si sono rivelate un reale pericolo per la diversità biologica e per questo motivo le attività legate a queste specie, come l’informazione, la sensibilizzazione e la lotta, si moltiplicano, grazie anche all’Ordinanza federale sull’utilizzazione di organismi nell’ambiente, riesaminata e in vigore dal 2008.
In Mesolcina ad esempio, dal 2011 in poi c’è stata una lotta contro le neofite invasive che si sviluppano sul sedime della discarica CRER tramite gli apporti di materiali dall’esterno. In particolare si è osservata negli anni scorsi la presenza di ambrosia, poligono del Giappone, girasole del Canada, verga d’oro del Canada, robinia, paulownia e fitolacca americana. Sulla base di un piano di lotta sistematico, sviluppato da un consulente ambientale, è stato possibile contenere quasi totalmente e in parte eliminare completamente i focolai.
Non tutte le neofite sono invasive. Infatti, la flora svizzera conta 500 neofite e attualmente 45 sono sulla lista delle neofite invasive. Per più informazioni si possono consultare in internet diversi link utili su vari siti, a partire da quello molto dettagliato https://www.infoflora.ch/it/flora/n...



top

Triste è quella casa in cui la gallina parla e il gallo tace!
Proverbi italiani

 
Sponsors