• 10976 La Bregaglia a geografia variabile
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Regionale
venerdì 9 giugno 2017.
Invito alla mostra «La bellezza del corpo»

Il Museo Moesano e la Fondazione Castello di Mesocco presentano una mostra sulla bellezza del corpo e a prima vista, il tema proposto, potrebbe far sorgere qualche dubbio, invece a ben pensarci chi se non un museo è più qualificato a parlare di un argomento così importante e che accompagna l’uomo fin dalla sua nascita?
Curatrice della mostra è la signora Margrith Raguth della quale pubblichiamo una breve descrizione (anche in tedesco) redatta da una persona che la conosce molto bene: suo marito!


Ritratto di Margrith Raguth, curatrice della mostra “La bellezza del corpo”

Chi vede la donna fine e graziosa senza conoscerla, non s’immagina l’energia con la quale Margrith realizza i suoi progetti. Come, per esempio, i tre congressi internazionali che ha concepito e realizzato all’università di Basilea sul tema “Dialogo fra scienza e fantascienza”, coinvolgendo scienziati e scrittori di punta, dal Giappone come dagli Stati Uniti. Ha pure organizzato eventi simili al Politecnico di Zurigo. Lo stesso tema era pure alla base di un libro che ha curato e per il quale ha chiesto a diversi scrittori d’immaginare dove potrebbero condurci ricerche scientifiche reali che sembrano fantascienza. Le relazioni fra cultura, scienza e tecnica hanno sempre sollecitato il suo interesse. Questi aspetti sono stati, per esempio, il filo conduttore quando era caporedattrice della rivista tecnica “Swissengineering”.

Dietro le tante attività in questo ambito, si nasconde la poetessa: Margrith Raguth ha pubblicato un volume di poesie e ha scritto un monologo drammatico, presentato con successo al “Theater Stock” di Zurigo.

Attualmente, si occupa soprattutto del nuovo incarico di curatrice delle mostre presso la Torre Fiorenzana di Grono. Margrith Raguth segue le tendenze nell’arte sin dai tempi in cui lavorava come redattrice presso la rinomata rivista culturale “Du”. Ma questo non è l’unico motivo per il quale s’impegna a fondo in questo nuovo progetto. C’è anche la voglia e il piacere di poter contribuire alla vita culturale della Mesolcina, regione nella quale ha scelto di vivere da 25 anni.

Porträt Margrith Raguth, Kuratorin der Ausstellung “Der schöne Körper”

Wer die zierliche Frau sieht, ohne sie zu kennen, würde wohl kaum die Energie vermuten, mit der sie Projekte ausdenkt und realisiert. Zum Beispiel die drei Kongresse “Science&Fiction im Dialog”, die sie mit führenden Wissenschaftlern und Schriftstellern von Japan bis zu den USA an der Universität Basel konzipierte und organisierte. Ähnliche Veranstaltungen realisierte sie an der ETH Zürich. Das Thema regte sie auch an zu dem Buch “Motte im Datenkleid”. Dazu lud sie verschiedene Schriftsteller ein, sich auszudenken, wohin reale, an Science-Fiction erinnernde wissenschaftliche Forschung führen könnte. Die Beziehungen zwischen Kultur, Wissenschaft und Technik haben sie immer interessiert. Sie waren zum Beispiel die Leitschnur in ihrer Funktion als Chefredaktorin der Zeitschrift “Swiss Engineering”.

Hinter all ihren Aktivitäten in diesem Bereich versteckt sich die Dichterin. Sie hat einen Gedichtband veröffentlicht und einen dramatischen Monolog geschrieben, der im Zürcher “Theater Stock” erfolgreich aufgeführt wurde.

Im Moment beschäftigt sie vor allem der neue Auftrag als Kuratorin der Ausstellungen in der Torre Fiorenzana Grono. Sie verfolgt die Entwicklungen in der Kunst, seit sie Redaktorin an der Kulturzeitschrift “Du” war. Doch dies ist nicht der einzige Grund, weshalb sich Margrith Raguth so sehr für dieses Projekt engagiert. Es ist auch ihr Wunsch und die Freude, zum kulturellen Leben im Misox beizutragen, dem Tal, in welchem sie seit 25 Jahren lebt.

Hanspeter Gschwend


Invito alla mostra "La bellezza del corpo"

Tutti vogliamo sembrare belli. Ma cos’è il bello? È un ideale diverso per ogni individuo; un ideale condizionato da mode, culture e tradizioni.
Si dice spesso che la bellezza è negli occhi di chi guarda. Il pubblico è invitato a verificarlo di persona grazie alla mostra «La bellezza del corpo», curata da Margrith Raguth, di Roveredo Gr, e distribuita in tre luoghi mesolcinesi: la Torre Fiorenzana a Grono, il Museo Moesano a San Vittore, e il Castello di Mesocco. Sostenuta Swisslos/Promozione della cultura del Cantone dei Grigioni e da diversi sponsor, la mostra è organizzata sotto l’egida del Museo Moesano e della Fondazione Castello di Mesocco.
Il tema è affrontato in modo variegato e accattivante da sei artisti contemporanei, mediante sculture, maschere, fotografie, ecc., ed è completato con gioielli etnografici e archeologici. Gli artisti espositori sono la scultrice Barbara Babo, lo scultore Alois Hermann, il creatore di maschere Roger Stalder, i fotografi Piernicola Federici e Barbara Graf Horka, e Lucie Heskett-Brem, creatrice di tessiture in oro e argento.
Il vernissage con rinfresco avrà luogo venerdì 16 giugno 2017, alle ore 17:30, presso la Torre Fiorenzana a Grono. La mostra sarà visitabile dal 17 giugno al 30 settembre 2017, secondo gli orari seguenti: Museo Moesano (mer, ven, dom, 14-17), Torre Fiorenzana (sab, dom 15-19), Castello di Mesocco (accesso libero); il prezzo d’entrata, valido per il Museo Moesano e la Torre Fiorenzana, è di 5 franchi.

Per ulteriori informazioni, appuntamenti e foto, vi preghiamo di rivolgervi a Hanspeter Gschwend 079 482 52 44, oppure gschwendh@bluewin.ch.

Locandine:

PDF - 50.4 Kb
Presentazione
PDF - 189.5 Kb
La bellezza del corpo versione tedesca
PDF - 188 Kb
La bellezza del corpo vers. italiana
top

Non è possibile o non è facile mutare col ragionamento ciò che da molto tempo si è impresso nel carattere.

Aristotele

 
Sponsors