• 11912 Tombola Scout - San Vittore
  • 11911 23 aprile 2018 - Giornata Mondiale del Libro
  • 11910 23 aprile 2018 - Giornata Mondiale del Libro
  • 11904 Aspira...cervello!
Comunicati
giovedì 20 luglio 2017.
Grigioni: licenziamento "formale" per caporedattore La Quotidiana

(ats) Martin Cabalzar, caporedattore de "La Quotidiana", unico quotidiano in lingua romancia, ha ricevuto dall’editore, il gruppo Somedia, il licenziamento per la fine dell’anno. Cabalzar, 61enne, lavora da 20 anni per il foglio romancio, di cui 19 come caporedattore.

La notizia, diffusa oggi dalla RTR, radio e televisione romancia, è stata confermata all’ats dal diretto interessato. Cabalzar ha parlato di una lettera di licenziamento "formale".

Cabalzar spera che venga reperito il denaro necessario perché "La Quotidiana" venga regolarmente stampato anche l’anno prossimo. Somedia pubblica il giornale dal 1997, ma il foglio che rappresenta la quarta lingua nazionale sta lottando da qualche tempo per la sua sopravvivenza. La tiratura è scesa dalle iniziali 8.000 alle attuali 4.000 copie.

A marzo Somedia aveva posto un ultimatum, annunciando in una lettera al Governo retico e all’agenzia di stampa di lingua romancia ANR, solo qualche giorno dopo i festeggiamenti del 20esimo giubileo del quotidiano, che non intende finanziare il deficit del giornale oltre la fine dell’anno, a meno che non venga reperito un contributo annuale aggiuntivo pari a 300.000 franchi.

Attualmente Cantone e Confederazione sono alla ricerca di una soluzione. A chiedere l’intervento della Confederazione per una ricerca congiunta di sostegni finanziari era stato il consigliere nazionale grigionese Martin Candinas (PPD) in un’interpellanza di maggio al Consiglio federale.

Il caporedattore Cabalzar, che lavora da 30 anni per il gruppo Somedia, si è detto fiducioso sulla possibilità che venga trovata una strada per garantire la continuazione dell’unico quotidiano svizzero in lingua romancia.

top

“Non inorgoglitevi per i pochi grandi uomini che nel corso dei secoli sono nati nella vostra terra; il merito non è vostro.
Pensate piuttosto al modo in cui li avete trattati durante la loro vita e come avete seguito i loro insegnamenti.”

Albert Einstein

 
Sponsors