• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Varie
mercoledì 2 agosto 2017.
St. Moritz: cinese ordina per 9999 franchi un whisky del 1878

(ats) Qualcosa come 9999 franchi per un sorso di whisky o poco più: è quanto ha pagato lo scorso fine settimana in un albergo di St. Moritz un appassionato cinese, che voleva a tutti costi provare l’emozione di bere un distillato del 1878.

La bottiglia del marchio scozzese Macallan era l’unica di quell’annata non ancora aperta esistente al mondo, riferisce oggi 20 Minuten. Una rarità assoluta, di cui in passato hanno riferito diverse emittenti televisive e che per i collezionisti ha un valore di circa 50’000 franchi.

Sulla carta dei whisky dell’hotel Waldhaus am See - che conta 56 pagine - il bicchiere di 2 centilitri era offerto a 9999 franchi e finora non era mai stato ordinato. "Il prezzo era stato fissato volutamente così alto, perché consideriamo la bottiglia un oggetto da collezione e in realtà non volevamo aprirla", spiega l’albergatore Sandro Bernasconi in dichiarazioni riportate da 20 Minuten.

Ma durante il weekend nel bar dell’hotel dedicato ai whisky - che offre 2500 bottiglie diverse ed è citato nel Guinness dei primati - si è presentato un piccolo gruppo di cinesi. Erano interessati ai Macallan, un marchio di grande tradizione - la licenza risale al 1824 - noto anche perché compare negli ultimi film di James Bond.
Il ritrovo ne offre 47 diversi: il più economico sulla carta è proposto a 7 franchi, il più caro appunto a quasi 10’000 franchi.

Uno dei cinesi, grande appassionato, si è interessato proprio del Macallan 1878, che è rimasto in botte 27 anni ed è stato imbottigliato nel 1905. Bernasconi ha però spiegato che non era in vendita: una volta aperta la bottiglia perde infatti il suo valore.
Visto che l’ospite insisteva nell’avere la chance di poter provare la bevanda, il giovane albergatore ha chiamato il padre, chiedendo consiglio. L’interessato gli ha risposto di aver aspettato 20 anni il momento di poter provare il whisky, invitando il figlio a sfruttare l’opportunità.

"Aprire la bottiglia era un rischio: i clienti non pagano in anticipo", continua Bernasconi. Con la massima cura ha tolto il tappo, che per l’età rischiava di rompersi. Hai poi servito 2 centilitri al cliente. Per curiosità ha poi lui stesso provato il distillato: potrà così finalmente dare il suo giudizio anche ad altri interessati. La bottiglia ora va infatti bevuta: la qualità del whisky diminuisce, a causa dell’ossigeno che entra nella bottiglia, e il distillato rimane buono ancora per 5-10 anni. L’albergatore è pronto a discutere anche sul prezzo.

top
 
Sponsors