• 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Fuori regione
lunedì 18 settembre 2017.
Truffa ai danni di Repower, condannati i colpevoli

(ats) Sono stati condannati ad una pena detentiva e a una sanzione pecuniaria i due autori della frode ai danni di Repower, che nel corso di quasi due anni hanno sottratto all’azienda grigionese con sede a Brusio (Poschiavo, GR), una somma di quasi 6 milioni di franchi. Questa la sentenza emessa oggi dal tribunale regionale di Landquart (GR).

La truffa, portata avanti tra il 2009 e il 2011, è stata perpetrata attraverso aziende di consulenza informatica con l’emissione di fatture fittizie per prestazioni mai fornite.

Il denaro, 5,7 milioni di franchi, è stato sottratto all’azienda con la collaborazione di un 53enne ingegnere informatico, responsabile dello sviluppo software, direttore del centro Sap di Repower (che si trova a Landquart), riconosciuto quale autore principale della frode.

Sul banco degli imputati altre due persone: un 60enne consulente informatico, con ruoli d’amministratore in aziende di consulenza in rapporti di affari con Repower, e un assicuratore 74enne, assolto.

Tra il 2009 e il 2011, la somma pagata da Repower ad alcune aziende di consulenza esterne per i costi di licenza, servizi di consulenza e manutenzione, è stata di 6,8 milioni di franchi, mentre la somma per prestazioni effettivamente effettuate sarebbe stata di 1,05 milioni.

Dopo gli accertamenti giudiziali, è risultato che durante quasi due anni, i due colpevoli hanno percepito con le loro attività illecite entrate regolari attraverso trasferimenti di denaro volti a coprire la provenienza illegale dei fondi.

Dopo un dibattimento di due giorni nelle scorse settimane, oggi è arrivata la sentenza: il 53enne ingegnere informatico, giudicato colpevole di falsità in documenti, truffa per mestiere reiterata e riciclaggio di denaro è stato condannato ad una pena detentiva di 5 anni ed una pecuniaria di 26’400 franchi.

In particolare, sul conto del 53enne, reo confesso, sono confluiti soldi per 3,8 milioni di franchi, la maggior parte del denaro sottratto illegalmente a Repower. Per lui, il tribunale ha stabilito una pena detentiva di sei mesi in più rispetto a quanto richiesto dall’accusa.

Per gli stessi reati il consulente 60enne è stato condannato a 42 mesi di carcere e a una multa di 20’800 franchi. Assolto, invece, il terzo imputato, 74enne, assicuratore di professione, secondo il principio "nel dubbio, a favore dell’imputato".

Inoltre, il tribunale ha legittimato l’azione civile da parte di Repower per la somma di 5,2 milioni di franchi, per cui gli imputati saranno responsabili in maniera solidale.

top

Il segreto di un candidato politico è di sembrare stupido come chi lo ascolta, così che gli ascoltatori si sentano intelligenti come lui.

 
Sponsors