• 11912 Tombola Scout - San Vittore
  • 11911 23 aprile 2018 - Giornata Mondiale del Libro
  • 11910 23 aprile 2018 - Giornata Mondiale del Libro
  • 11904 Aspira...cervello!
Regionale
venerdì 20 ottobre 2017.
GR: scoperta fossili di una nuova specie di celacanto

(ats) Alcuni paleontologi hanno ritrovato e analizzato fossili di una nuova specie di pesce, il celacanto, sul Ducanfurgga, nelle Alpi grigionesi. Si tratta di una delle maggiori scoperte paleontologiche degli ultimi anni in Svizzera.

I fossili, trovati a un’altitudine di 2740 metri e risalenti a 240 milioni di anni fa, sono rimasti "ottimamente conservati", indica in una nota odierna il Museo di Ginevra. Le scoperte sono avvenute nell’estate del 2015 e del 2016, ma per studiarle ci è voluto del tempo, indica Lionel Cavin, paleontologo del museo. "Inizialmente non sapevamo esattamente di cosa si trattasse", rileva l’esperto.

Gli scavi sono stati realizzati da un gruppo di esperti dell’Università di Zurigo, le analisi da un team dell’Università di Basilea e lo studio biologico da un paleontologo del museo ginevrino. Gli specialisti al termine delle ricerche hanno concluso che si tratta non solo di una nuova specie, registrata sotto il nome "Foreya maxkuhni", ma anche di un nuovo genere di celacanto.

I fossili ritrovati nei Grigioni presentano una testa a forma di cupola, un corpo estremamente accorciato e una bocca sottile. Queste caratteristiche anatomiche, si legge nella nota, fanno pensare che si tratti di una specie vivente in zone costiere e non in acque profonde come i celacanti odierni.

Questa nuova specie, definita "strana" dai ricercatori, apre nuove piste in merito al processo evolutivo e pone nuove domande sull’origine dei primi vertebrati terrestri. I risultati sono stati pubblicato oggi sulla rivista "Scientific Reports". I fossili si trovano attualmente al Museo di Ginevra ma ritorneranno prossimamente nei Grigioni.

top

“Non inorgoglitevi per i pochi grandi uomini che nel corso dei secoli sono nati nella vostra terra; il merito non è vostro.
Pensate piuttosto al modo in cui li avete trattati durante la loro vita e come avete seguito i loro insegnamenti.”

Albert Einstein

 
Sponsors