• 12188 Andrea Vitali a Grono
  • 12188 Andrea Vitali a Grono
  • 12170 Divertiamoci in Biblioteca
  • 12104 Scala con sorpresa!
  • 12103 Materia grigia!
Fuori regione
martedì 31 ottobre 2017.
Fronte Automobilisti Ticino: NO alle multe in mano alle agenzie private e preannuncia un 2018 spumeggiante!

Il Comitato del Fronte Automobilisti Ticino (FAT), riunitosi lo scorso fine settimana, ha preso posizione sulla nuova legge federale riguardante le multe disciplinari (LMD) e si è occupato della strategia 2018, che inizierà con importanti novità.

Il Fronte Automobilisti Ticino è categorico sulla nuova legge federale (LMD). Qualora in Cantone Ticino si decidesse di applicarla il Fronte darà battaglia. La revisione della legge federale amplierà il ventaglio delle multe disciplinari. Se da un lato questa scelta legislativa può apparire sensata, diminuendo le spese statali, da un altro lato occorre essere molto attenti. Non sarebbe tollerabile la presenza di abusi o di cosiddetti eccessi di zelo.

Nell’ambito della competenza organizzativa attribuita dalla LMD ai Cantoni, le autorità ticinesi potrebbero conferire la possibilità alle agenzie private di sicurezza di comminare queste multe. Da quanto appreso dalla stampa, vari Municipi ticinesi starebbero facendo pressione sul DI per ricevere tale delega. Il Fronte si oppone categoricamente a questa scelta. Comminare sanzioni è tipicamente un compito dello Stato e non può essere privatizzato. Il Fronte è contrario al mercato delle multe: la concessione a privati aprirebbe le porte ad un’ulteriore politica del terrore contro gli automobilisti con l’unica intenzione di svuotagli in portafogli (incentivata magari anche dal versamento di una percentuale sulle multe comminate) e rimpolpare le casse dei comuni interessati.

Il 2018 sarà all’insegna del consolidamento e di alcune novità in favore degli amici del Fronte. Il FAT preannuncia l’avvio della prima campagna tesseramenti. Dal 2018 sarà infatti possibile sostenere attivamente il Fronte: i vantaggi per i tesserati saranno svelati nei prossimi mesi, quel che è sicuro è che le ambizioni di crescita sono grandi. L’impegno futuro, sempre con un taglio battagliero, nella difesa dei conducenti ancor di più.

top

Il saggio non si giudica indegno dei doni della fortuna, non ama le ricchezze ma preferisce averle; non le accoglie nell’animo ma le tiene in casa; non rifiuta quelle che possiede ma le domina e vuole che essa offrano maggiori possibilita’ alla sua virtu’.

Seneca

 
Sponsors