• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Sport
giovedì 2 novembre 2017.
Caccia: stagione caccia alta, record di cervi abbattuti

(ats) Nelle tre settimana di caccia alta nei Grigioni, in settembre, sono stati uccisi 4838 cervi. Il risultato è da primato, ma non sufficiente a completare il piano di abbattimenti. Nel tardo autunno, sarà quindi necessaria una caccia speciale con l’obiettivo di eliminare altri 1272 esemplari.

Per ridurre il numero di cervi, particolarmente elevato a causa degli inverni miti degli ultimi quattro anni, i cacciatori avrebbero dovuto abbattere 5370 capi, obiettivo mancato nonostante il risultato record, ha comunicato oggi l’Ufficio per la caccia e la pesca dei Grigioni.

Nettamente superiore alla media pluriennale anche il risultato della caccia al capriolo (3706 capi), ma comunque inferiore a quanto pianificato (4323).

Si colloca invece ai livelli auspicati il numero dei camosci abbattuti (2989).

Complessivamente, con la partecipazione di oltre 5500 cacciatori, il periodo di caccia tradizionale ha eliminato cervi, caprioli, camosci e cinghiali per un totale di 11’548 capi.

Al buon risultato raggiunto, si legge nella nota, hanno contribuito le condizioni atmosferiche favorevoli: in particolare, le basse temperature e le nevicate nel mese di settembre hanno spinto i cervi a recarsi nei pascoli a quote più basse e quindi a lasciare le zone di protezione della selvaggina. Gli effettivi di cervi restano tuttavia molto elevati, in particolare nelle zone settentrionale e centrale del cantone nonché in Surselva.

La presenza di troppi caprioli e cervi danneggia boschi e foreste, mettendo a rischio la sopravvivenza di diverse specie di arbusti, fiori e piante del sottobosco e minacciando il rinnovamento boschivo. Questo è particolarmente problematico nelle aree montane, dove boschi e foreste hanno una funzione protettiva contro valanghe, cadute di rocce e smottamenti, spiega ancora la nota.

Inoltre ridurre la popolazione di cervi e caprioli è necessario per avere un numero dei esemplari adeguato alle dimore invernali, evitando allo stesso tempo un peggioramento delle condizioni fisiche degli animali. Per la caccia speciale, necessaria in quasi tutte le regioni, si sono annunciati 3406 cacciatori, il numero più alto mai registrato.

top
 
Sponsors