• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Politica
mercoledì 29 novembre 2017.
Il PLD.I Liberali Grigioni si sono riuniti a Laax All’ordine del giorno della riunione di clausura della frazione figuravano in primo luogo il programma annuale e il preventivo 2018

Lo scorso venerdì e sabato la frazione PLD.I Liberali Grigioni, sotto la guida della presidente della frazione Vera Stiffler di Coira e alla presenza del Consigliere di Stato Christian Rathgeb, si è riunita nella sua annuale riunione di clausura, presso lo Sporthotel Signina a Laax. I punti principali all’ordine del giorno erano il preventivo 2018 e il programma annuale del Governo 2018.

All’inizio della riunione la frazione si è occupata del programma annuale 2018 e del preventivo 2018 sulla base della documentazione presentata dal Governo. Il programma annuale del Governo ha fatto, da subito, emergere alcuni punti da discutere in modo più approfondito. Si sono per esempio individuati alcuni punti critici relativi alla promozione economica, soprattutto laddove questa riguarda singole aziende. I presenti concordano che la definizione di “rilevanza sistemica” deve assolutamente essere chiarita. Come esempio è stato citato il contributo cantonale di un milione di franchi elargito sotto il titolo della promozione economica in favore della costruzione di un costoso albergo a Pontresina. La critica a questo contributo promozionale non si è fatta attendere.

Nell’ambito della discussione sul preventivo cantonale 2018 la frazione PLD ha quindi preso atto con soddisfazione che il Governo è intenzionato a mantenere in equilibrio il bilancio cantonale, nonostante anche quest’anno sia previsto un disavanzo di 23.2 milioni di Franchi (come lo scorso anno), che la quota statale rimane al 14.8% con una crescita del 1% (anno precedente 0.8%) e che si intende aumentare gli investimenti lordi e quelli netti.

La frazione PLD chiede in modo inequivocabile che il Governo presenti in tempi ristretti una scaletta dei tempi vincolante per la definizione di un progetto chiaro su come si possa riacquisire il controllo delle finanze cantonali, anche a lungo termine, Il PLD ritiene poco previdente il fatto che il Governo non veda la necessità di agire con delle misure di risparmio risp. con un programma di sgravio prima del 2019. L’attuazione di un concetto per una gestione finanziaria sana, che al momento è ancora da predisporre, potrebbe durare degli anni. La frazione PLD ha perciò previsto di presentare la propria posizione con alcuni interventi mirati durante il dibattito in Gran Consiglio Dopo lunga discussione la frazione PLD ne ha comunque deciso l’entrata in materia. Alcuni membri provvederanno comunque a porre delle domande critiche e a depositare eventuali proposte durante la discussione in Gran Consiglio.

Nell’ambito di un istruttivo workshop svolto in collaborazione con la HTW, la frazione PLD si è inoltre occupata di digitalizzazione e sulla revisione parziale della legge sulle imposte comunali e di culto e sull’aggregazione dei Comuni di Andiast, Breil/Brigels e Waltensburg/Vuorz nel Comune di Breil/Brigels la frazione ha deciso all’unanimità l’entrata in materia.

Durante il secondo giorno della riunione di clausura i presenti si sono occupati di alcuni documenti programmatici che fungeranno da linee guida per il lavoro del partito, elaborati da singoli membri della frazione. Sono così stati discussi e approvati, all’attenzione della direzione del PLD, i seguenti sei documenti programmatici: Salute, Sviluppo economico e digitalizzazione, Deregolamentazione, Strategia 2017/18, „Convivenza“, Turismo e sviluppo demografico. La frazione, nell’ambito di una piccola cerimonia, ha inoltre ringraziato il suo precedente presidente Rudolf Kunz per il grande impegno profuso durante cinque anni di intenso lavoro.

Silvio Zuccolini, Responsabile stampa PLD.I Liberali Grigioni

top

“Io dico che bisogna stare attenti a non confondere la politica con la giustizia penale. In questo modo, l’Italia, pretesa culla del diritto, rischia di diventarne la tomba.”
GIOVANNI FALCONE

 
Sponsors