• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Politica
domenica 3 dicembre 2017.
Diocesi Coira avanza pretese su fondo dei cattolici zurighesi

(ats) Nuovo contenzioso fra il vescovo di Coira e i cattolici di Zurigo. In una lettera, Monsignor Vitus Huonder avanza pretese su un fondo di 1,2 milioni di franchi, aperto dai fedeli zurighesi nel 1990 con lo scopo di fondare una diocesi sulle rive della Limmat.

"È chiaro che l’ordinariato episcopale non ha alcun diritto legale sul denaro del fondo, ma certamente morale", si legge nella missiva del vescovo, citata dalla "Sonntagszeitung" e della quale l’ats ha una copia.

Dopo la bocciatura in luglio del progetto di diocesi zurighese - ad opporsi erano state le chiese di sei dei sette cantoni che compongono la circoscrizione vescovile di Coira - si pone ora la domanda di cosa fare con il denaro depositato nel fondo.

Huonder propone di destinarne un terzo alla cultura, un terzo alla formazione e l’ultimo al sociale. Con i primi 400 mila franchi intende restaurare il castello vescovile. Una somma identica andrebbe al Seminario di San Lucio, sempre nel capoluogo grigionese.

L’ultimo terzo sarebbe diviso in due: una metà alla Caritas del canton Grigioni e l’altra all’associazione Aiuto svizzero per madre e bambino (ASMB) che, come alternativa all’aborto, offre consulenza a donne e coppie in difficoltà a causa di una gravidanza o della nascita di un figlio.

Una provocazione per gli zurighesi

A Zurigo la missiva è stata accolta negativamente. Secondo il presidente del consiglio sinodale del cantone, Benno Schnüriger, la lettera rischia di sollevare proteste. Egli si chiede inoltre se il vescovo debba occuparsi di questioni zurighesi. Queste dichiarazioni, rilasciate alla SonntagsZeitung, sono state confermate dal portavoce del consiglio sinodale, Simon Spengler.

Secondo Schnüriger, l’uso dei fondi proposto da Huonder è troppo dispotico, mentre la donazione agli antiabortisti vien vista come una pura provocazione. Per rinnovare il castello il vescovo di solito usa i propri soldi. A detta della SonntagsZeitung, i cattolici zurighesi suppongono che Huonder intenda promuovere il controverso progetto di museo del tesoro della cattedrale.

In una nota, il portavoce del vescovo, nega, precisando che il denaro sarebbe destinato al castello in quanto edificio amministrativo. Nulla a che vedere, scrive, con il tesoro della cattedrale.

Il sinodo dei cattolici zurighesi - sorta di parlamento della Chiesa cattolica cantonale - discuterà il 7 dicembre un postulato relativo a questa richiesta.

top

“Io dico che bisogna stare attenti a non confondere la politica con la giustizia penale. In questo modo, l’Italia, pretesa culla del diritto, rischia di diventarne la tomba.”
GIOVANNI FALCONE

 
Sponsors