• 12957 Mascherati!
  • 12939 Parco naturale regionale o campo da golf?
  • 12903 "Gli impuniti" di Carla del Ponte a Grono
Politica
mercoledì 13 dicembre 2017.
Assolutamente No al miliardo di coesione all’UE

Già anni fa ampia parte della sinistra sostenne il miliardo di coesione per l’Europa dell’Est e venne così commesso un errore: quel miliardo pagato dai lavoratori del nostro Paese è finito infatti nelle casseforti di governi che hanno distrutto i loro Paesi, gettandoli nelle fauci della Banca Mondiale, dell’UE e della NATO. Quel miliardo di coesione serviva a garantire una forma di controllo sul mercato dell’Est, in barba alla sovranità di quei popoli.

Il Partito Comunista resta favorevole alla cooperazione allo sviluppo dei paesi poveri (saccheggiati anche dalle multinazionali svizzere!), ma non attraverso questo canale indiretto, tramite l’UE, che di equo non ha nulla.

Verosimilmente oggi i governi che riceveranno la maggior parte di questi soldi sono Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca, che finora hanno saputo solo privatizzare l’economia, tagliare le pensioni e i diritti sociali, reprimere i sindacati. Inoltre è semplicemente una illusione dire che questo contributo diminuirà le disparità fra paesi europei: fintanto che Bruxelles imporrà la cosiddetta “austerity” ci sarà solo crisi, povertà e disoccupazione.

La Svizzera smetta di recepire passivamente i diktat dell’UE e investa piuttosto nell’area economica euroasiatica e nei paesi emergenti, a partire dai BRICS: lì sta il futuro!

Partito Comunista
Massimiliano Ay, segretario politico

top

Alla fine, ciò che conta non sono gli anni della tua vita, ma la vita che metti in quegli anni.

(Abraham Lincoln)

 
Sponsors