• 12643 Passero solitario
  • 12302 I soliti ... cani!
Fuori regione
venerdì 15 dicembre 2017.
Frana Bondo, rara catena eventi naturali; pericolo persiste

(ats) La frana di Bondo e la conseguente enorme colata detritica sono state una concatenazione di eventi naturali molto rara a livello mondiale. Lo rileva uno studio condotto da un gruppo di esperti istituito dal Cantone dei Grigioni presentato oggi a Soglio, in Bregaglia (GR), secondo il quale nei prossimi anni persiste il rischio di ulteriori valanghe di roccia e colate di terreno.

Fatale, secondo gli esperti, è stato il fatto che la massa rocciosa staccatasi dal Pizzo Cengalo si sia riversata sul ghiacciaio sottostante: la pressione prodotta da ghiaccio e acqua ha causato dunque la grande frana del 23 agosto, nella quale tre milioni di metri cubi di roccia, il volume di 3000 case unifamiliari, si sono staccati dal ghiacciaio.

"In pochi secondi la valanga di roccia ha provocato l’asportazione di una grande quantità di ghiaccio, che è stata polverizzata e in parte si è sciolta", si legge in un comunicato del Dipartimento cantonale costruzioni, trasporti e foreste. Assieme all’acqua presente nei dintorni, quella liberata ha messo in movimento le masse rocciose franate e ha creato un flusso di detriti che si è riversato lungo la Val Bondasca fino a raggiungere il fondovalle e Bondo. Questa concatenazione di processi si verifica molto di rado a livello mondiale, ha affermato Jürg Schweizer, direttore dell’FNP
- Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe di Davos.

A seguito di spostamenti di una certa entità, la montagna era già sotto osservazione e grazie alle misurazioni era previsto un evento di grandi dimensioni, ha dichiarato il geologo Florian Amann. La caduta di massi, tuttavia, è stata una "sorpresa": proprio nei giorni prima del 23 agosto, il versante nordorientale del Piz Cengalo era "molto tranquillo". La frana, inoltre, non è stata preceduta, come di solito avviene, da crolli di roccia minori.

Pericolo di colate detritiche nei prossimi anni

Nell’agosto 2017, complessivamente, circa 500’000 metri cubi di materiale hanno raggiunto Bondo con diverse colate detritiche. In base alle esperienze raccolte sarebbero da attendersi ulteriori valanghe: oltre un milione di metri cubi di roccia è ancora in movimento sul Cengalo, ha dichiarato Amann. "La valutazione attuale fa pensare che a lungo termine dalla parete potranno staccarsi fino a tre milioni di metri cubi di materiale".

Inoltre, al di sotto del Pizzo Cengalo, in Val Bondasca, si trovano circa un milione e mezzo di metri cubi di roccia franata che, in presenza di una quantità sufficiente di acqua, potrebbero essere messi in moto e avanzare quale colata detritica fino a Bondo, ha spiegato l’esperto Christian Tognacca. Nei prossimi anni sarebbero perciò da attendersi anche smottamenti di dimensioni più o meno grandi in caso di forti precipitazioni o di nuove valanghe di roccia.

Cantone: fare dell’esperienza virtù per il futuro

Il Cantone dei Grigioni intende imparare dagli eventi di Bondo e mettere a disposizione anche di altre regioni alpine le conoscenze raccolte, ha sottolineato il Consigliere di Stato Mario Cavigelli, direttore del Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste dei Grigioni: "un tale gruppo di esperti è stato istituito per la prima volta e si è dimostrato molto valido quale parte della gestione dell’evento".

Il Comune di Bregaglia, da parte sua, si sta preparando ad altri possibili episodi di questo tipo, ha dichiarato da parte sua il sindaco Anna Giacometti, e insieme agli esperti del Cantone sta elaborando il futuro concetto di "protezione". Fino alla sua attuazione, le dighe provvisoriamente innalzate nei pressi di Bondo, Spino e Promontogno verranno mantenute per dare sicurezza ai villaggi e ai loro abitanti.

top

Questa è la storia di quattro persone, chiamate Ognuno, Qualcuno, Ciascuno e Nessuno.
C’era un lavoro importante da fare e Ognuno era sicuro che Qualcuno lo avrebbe fatto.
Ciascuno avrebbe potuto farlo, ma Nessuno lo fece.
Finì che Ognuno incolpò Qualcuno perché Nessuno fece ciò che Ciascuno avrebbe potuto fare.

(Anonimo)

 
Sponsors