• 12740 Grono - Mercatino San Clemente
  • 12726 Cose strane ... scusate ... scale strane!
  • 12691 Autunno
Regionale
domenica 17 dicembre 2017.
ViaCalanca: da percorrere passo dopo passo per tutti
di Lino Succetti


L’autrice Maruska Federici-Schenardi durante la presentazione di ViaCalanca

ViaCalanca, è occasione straordinaria per chi ama camminare. Si apre con alcune introduzioni che delineano i caratteri storico-culturali e ambientali della Valle e suggeriscono le chiavi di approccio per affrontare gli itinerari proposti e ne segnalano gli elementi più significativi. È una nuova guida di circa 170 pagine, a cura di Maruska Federici-Schenardi, con una novantina di belle foto scattate da Piernicola Federici, corredata con i tracciati degli itinerari, i dati sulla lunghezza, il dislivello, il tempo e il grado di difficoltà.

L’interessante volumetto è stato presentato sabato 16 dicembre nella palestra del centro scolastico di Castaneda dall’autrice, introdotta davanti ad un folto pubblico dalle parole del sindaco Attilio Savioni e dall’ing. forestale Davide Lurati.

Come evidenziato nella presentazione “la ViaCalanca, inserita nel programma degli Itinerari culturali della Svizzera promosso da ViaStoria, è un sentiero culturale e naturalistico che percorre tutta la vallata. Dalla frazione di Nadro, sopra Grono, il percorso raggiunge Rossa, lungo alcuni tratti con delle varianti, coinvolgendo tutti i villaggi calanchini. La ViaCalanca si snoda lungo mulattiere e sentieri storici, svelando, passo dopo passo, un’insospettata ricchezza di paesaggi naturalistici e di testimonianze lasciate dall’uomo nel corso dei millenni”.

Gli itinerari descritti nella guida permettono di ammirare la natura della Valle e di attraversarne i paesi, che presentano diversi edifici religiosi e privati degni di nota. Le funivie di Arvigo e Selma collegano il fondovalle ai suggestivi terrazzi di Braggio e Landarenca, raggiungibili anche a piedi percorrendo storiche mulattiere. Molti tratti dei passaggi indicati da ViaCalanca hanno infatti radici antiche e sono stati anche in parte ristrutturati e resi percorribili in sicurezza tramite il progetto del Gruppo di lavoro Sentieri dei Comuni della Val Calanca, che ha pure collaborato per l’allestimento della guida stessa.

ViaCalanca insomma è una guida tutta nuova, con riferimenti al presente ma altrettanti al passato e, pubblicata pure in tedesco, contribuisce a una maggiore conoscenza dell’interessante e variegato territorio calanchino. Sfogliando la guida, abbinate ai tracciati degli itinerari proposti, si possono leggere molte informazioni riguardanti il paesaggio e le attività esercitate in Valle (agricoltura, allevamento del bestiame e transumanza sugli alpeggi, castanicoltura, taglio e trasporto del legname, le cave di gneiss, l’estrazione della pietra ollare, i massi cupellari, ecc.) di ieri e di oggi. Ci sono pure numerosi riferimenti sugli insediamenti e le vestigia archeologiche a partire dalla preistoria, sul fenomeno dell’emigrazione e note riferite alle istituzioni politiche e religiose succedutesi nei vari secoli.

ViaCalanca, una pratica guida da sfogliare prima e durante una delle prossime scarpinate in Val Calanca!



Da Castaneda, uno sguardo verso il villaggio di Santa Maria, a 955 m di quota, dominato dall’antico complesso architettonico formato dalla torre medioevale, dalla maestosa chiesa parrocchiale e dall’ospizio che ospitava i padri cappuccini. (Foto Lino Succetti, 2016)
top

“Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre.”

ORIANA FALLACI

 
Sponsors