• 12643 Passero solitario
  • 12302 I soliti ... cani!
Varie
venerdì 29 dicembre 2017.
Scoperto un caso di influenza aviaria sul lago di Bienne

Prima di Natale è stato trovato un cigno morto sulle rive del lago di Bienne, vicino a Erlach (Cerlier). Le analisi di laboratorio hanno permesso di determinare che l’uccello era infetto dal virus dell’influenza aviaria H5N6. Gli accertamenti effettuati dall’USAV e dalle autorità veterinarie cantonali hanno confermato l’assenza di altri casi fino a oggi. Per il momento non sono quindi previste misure preventive.

L’H5N6 è stato riscontrato anche nei Paesi Bassi e risulta essere una mutazione del virus H5N8 diffusosi in Europa lo scorso inverno. La tipologia di H5N6 riscontrata in Europa è diversa da quella presente in Asia, che può essere trasmessa all’essere umano. Non vi sono invece indizi di una tale possibilità di trasmissione per quanto riguarda quella europea.
Riassumendo: i casi riscontrati la scorsa estate nei nostri laghi (si veda il comunicato stampa del 15 agosto 2017) evidenziano che il virus dell’influenza aviaria permane in Svizzera negli uccelli selvatici ed è quindi richiesta vigilanza. I detentori di pollame domestico devono segnalare al veterinario qualsiasi caso di morte sospetta. Chi dovesse rinvenire carcasse di uccelli è pregato di non toccarle e di informare gli organi di protezione della fauna o la polizia più vicini.

top

Questa è la storia di quattro persone, chiamate Ognuno, Qualcuno, Ciascuno e Nessuno.
C’era un lavoro importante da fare e Ognuno era sicuro che Qualcuno lo avrebbe fatto.
Ciascuno avrebbe potuto farlo, ma Nessuno lo fece.
Finì che Ognuno incolpò Qualcuno perché Nessuno fece ciò che Ciascuno avrebbe potuto fare.

(Anonimo)

 
Sponsors