• 12726 Cose strane ... scusate ... scale strane!
  • 12690 Cipressi
Comunicati
giovedì 25 gennaio 2018.
Selvaggina, misure d’emergenza dopo le abbondanti nevicate

(ats) Nei Grigioni le nevicate sensibilmente superiori alla media stanno comportando situazioni critiche per la selvaggina. Per farvi fronte, sono stati predisposti piani regionali che prevedono misure d’emergenza quali la salvaguardia dell’habitat, il taglio di arbusti e l’apporto di fieno.

I quantitativi di coltre nevosa straordinari limitano in maniera massiccia la libertà di movimento degli animali selvatici - scrive oggi in una nota l’Ufficio per la caccia e la pesca cantonale - e rendono difficilmente accessibile il nutrimento.

La decisione riguardo all’attuazione dei piani viene adottata dal Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste. Grazie alla caccia, ricorda il comunicato, gli effettivi di selvaggina vengono sfruttati in maniera sostenibile e adeguati alle rigide condizioni invernali. Nello scorso autunno sono stati abbattuti 14’000 fra cervi, caprioli, camosci e stambecchi che altrimenti ora si troverebbero a doversi sfamare con le scarse riserve di cibo.

Stando all’ufficio cantonale in linea di principio gli animali selvatici sono in grado di sopravvivere alla stagione fredda nelle aree montane, grazie anche al risparmio di energia attraverso la riduzione del metabolismo e della temperatura corporea.

Di solito, il foraggiamento degli ungulati risulta addirittura controproducente e per questo è vietato. Fattori sfavorevoli come l’arrivo precoce dell’inverno, periodi gelidi prolungati e abbondanti nevicate implicano però situazioni d’emergenza nelle quali è possibile fare uno strappo alla regola. Sono gli animali più giovani a essere colpiti maggiormente, in quanto dispongono di minori riserve di grasso.

top

Un fiocco di neve è una delle creazioni più fragili di Dio, ma guarda che cosa possono fare i fiocchi quando si attaccano insieme!

(Anonimo)

 
Sponsors