• 12740 Grono - Mercatino San Clemente
  • 12726 Cose strane ... scusate ... scale strane!
  • 12691 Autunno
Regionale
mercoledì 31 gennaio 2018.
Martino Righetti, avvocato mesolcinese di Cama

Si è conclusa nel mese di gennaio 2018 la sessione di esami d’avvocato a Coira e, tra coloro che hanno conseguito l’ambita patente, c’è anche Martino Righetti di Cama, figlio di Piergiorgio e Anna Parachini.

La patente di avvocato è l’ultimo riconoscimento che ha ottenuto il nostro giovane convallerano. Infatti, dopo le scuole dell’obbligo in valle, ha conseguito il diploma alla scuola di commercio a Coira, il Bachelor in diritto presso l’Università di scienze applicate di Winterthur (ZHAW) e il Master presso l’Università di Lucerna. A fianco degli studi ha anche condotto una carriera militare conseguendo il grado di capitano. È oggi Giudice istruttore militare presso la regione dei Giudici istruttori 2, dopo esserlo stato presso il Tribunale militare 8.
Ha, benché ancor giovane, accumulato delle importanti esperienze professionali presso una banca privata a Lugano, un periodo di pratica presso uno studio di Zurigo e la pratica legale nei Grigioni presso gli avvocati Cristina e Fabrizio Keller a Grono. Ha frequentato anche i corsi della CAS Accademia dei procuratori pubblici all’Università di Lucerna.
Dal mese di agosto 2017 è stato nominato Procuratore pubblico presso la Procura pubblica cantonale e si è pertanto trasferito a Coira.

Nonostante la brillante carriera e gli impegni accademici, professionali e militari, Martino è sempre rimasto fortemente attaccato alla sua famiglia, al suo paese e alla sua valle. Lo si può incontrare spesso in paese e nella bellissima Val Cama, dove trascorre dei momenti di svago e di riposo dai suoi gravosi impegni.

Al neo avvocato e Procuratore pubblico facciamo i nostri complimenti e i migliori auguri per un futuro professionale che sarà certamente ricco di ulteriori soddisfazioni e successi.

top

“Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre.”

ORIANA FALLACI

 
Sponsors