• 11647 “Terra bruciata”
  • 11588 Segnaletica…non ancora a posto (quindi “Fuori….posto”??)
Varie
venerdì 2 febbraio 2018.
Via l’economia dal “corso passerella”: al Governo non piace che i giovani siano capaci di pensare!

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA) si associa ai docenti di scienze umane del Liceo di Bellinzona nel criticare la decisione del Consiglio di Stato di eliminare l’insegnamento della materia “economia e diritto” dal “corso passerella” che permette l’accesso agli studi universitari a chi ha conseguito una formazione professionale.

Benché soddisfatto della decisione di raddoppiare il numero dei posti del corso, che va ad attenuare la discriminazione nell’accesso agli studi universitari degli studenti titolari di una maturità professionale, il SISA non può condividere la scelta governativa di escludere questa materia dal piano di studi. La disciplina “economia e diritto” ricopre un ruolo centrale nel completamento conoscitivo che il corso è chiamato a compiere: per chi si avvia verso una carriera accademica - ma non solo - è fondamentale sviluppare un certo giudizio critico nei confronti della realtà e comprendere le dinamiche che muovono il sistema socio-economico attuale. Un’introduzione allo studio dell’economia si rende quindi indispensabile, specie se si considera la crescente importanza di questo campo del sapere e del suo dibattito interno nella determinazione delle condizioni di vita, di lavoro e di studio della popolazione mondiale.

Oltre a ciò, risultano del tutto assurde le motivazioni finanziarie che sembrano essere alla base della decisione del Governo: anche quando il preventivo per l’anno 2018 presenta un disavanzo di circa 7.5 milioni di franchi, per l’esecutivo sono necessari dei risparmi nella misura di soli 20’000-30’000 CHF annui. Purtroppo questo è solo l’ultimo caso di una preoccupante tendenza alla riduzione dell’offerta formativa nelle scuole ticinesi: ricordiamo a titolo d’esempio le riduzioni del 2015 e del 2017 dei corsi facoltativi e opzionali nelle scuole medie superiori e l’esclusione del 2014 del tedesco dal piano di studio di 15 indirizzi nelle scuole professionali di base.

Lo smantellamento della scuola pubblica è ormai divenuto del tutto indipendente dalla situazione finanziaria del Cantone e mostra ora il suo vero volto: l’obiettivo dei nostri governanti sembra essere quello di privare progressivamente gli studenti degli strumenti intellettuali per interpretare la realtà e per combattere le ingiustizie che vi si annidano. Volete farci smettere di pensare, ma non ci avrete mai come volete voi!

top

Non arrivavano in molti fino a trent’anni. | La vecchiaia era un privilegio di alberi e pietre. | L’infanzia durava quanto quella dei cuccioli di lupo. | Bisognava sbrigarsi, fare in tempo a vivere | prima che tramontasse il sole, | prima che cadesse la neve.

WISLAWA SZYMBORSKA

 
Sponsors