• 13030 Archiviato l’albero dell’Avvento librario 2018
  • 13010 Visita la Val Calanca con i mezzi pubblici!
  • 13005 AnarchiCO(LON)!
Agenda
giovedì 15 febbraio 2018.
“Terra bruciata”
Centro culturale di Circolo a Soazza – Sabato 24 febbraio 2018 alle ore 17:30

“Dopo aver presentato il libro in Ticino e in bassa valle, Gerry Mottis, sarÓ presente a Soazza nella sala del Centro culturale di Circolo.
Gerry Mottis Ŕ nato nel 1975, originario della Valle Leventina, risiede tra Lostallo e Camorino. Ha studiato letteratura italiana e archeologia bizantina all’UniversitÓ di Friburgo, ottenendo la Licenza in Lettere nel 2001.
╚ insegnante di lingua italiana e storia presso le scuole medie di Roveredo GR e professionali superiori a Giubiasco. ╚ autore di diversi libri di poesia e romanzi.

SarÓ in scena il suo ultimo volume “TERRA BRUCIATA – La strega, il boia e il diavolo”. Nel corposo lavoro di 467 pagine, “l’autore propone un romanzo dal profumo storico a cavallo tra realtÓ e finzione dai ritmi spesso incalzanti, altre volte introspettivi e commoventi” (tratto dal risvolto di copertina).“Dopo aver presentato il libro in Ticino e in bassa valle, Gerry Mottis, sarÓ presente a Soazza nella sala del Centro culturale di Circolo.

Di che si tratta?
La vicenda ruota attorno a quattro processi alle streghe che si svolsero realmente tra il 1613 e il 1615 e i cui verbali – conservati negli Archivi di Circolo – sono stati trascritti fedelmente nell’italiano di oggi. Il loro esame ha riportato alla luce nomi reali, personaggi storici, tradizioni popolari, presunti malefici, delitti efferati, torture atroci, assurde superstizioni e palesi ingiustizie del nostro passato, che hanno contrassegnato le valli alpine e tutta l’Europa.

Nel 2016, durante la stesura, “Terra bruciata” ha ricevuto il riconoscimento per la creazione artistica professionale, conferito dalla Promozione della cultura del Cantone dei Grigioni.
Appuntamento a Soazza presso il Centro culturale di Circolo, sabato 24 febbraio 2018 alle ore 17:30.
Organizzazione: Biblioteca regionale Moesana e Centro culturale.
Al termine sarÓ offerto un aperitivo e ci sarÓ la possibilitÓ di acquistare il libro.

PDF - 650 Kb
Locandina
top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della veritÓ dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tab¨. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors