• 13943 Che AvVento che tira?
  • 13937 Mosconi sul sofà 5 nell’aula magna di Grono
  • 13918 Grono - Festa di San Clemente
  • 13810 SUPSI ... a lezione d’italiano!
Lettere dei lettori
lunedì 26 febbraio 2018.
Meno imposte? No, più lavoro!
di Alberto Togni

Il prossimo 29 aprile saremo chiamati a votare sulla riforma fiscale grazie alla riuscita del referendum promosso dalla sinistra. Fra le diverse buone motivazioni per bocciare questi ennesimi regali ai ricchi, ne esporrò una in particolare. A detta dei fautori e dei difensori di questa riforma e delle precedenti, un minor carico fiscale incoraggerebbe le aziende a insediarsi sul nostro territorio, creando così le premesse per la creazione di nuovi posti di lavoro e garantire quindi una crescita economica e del benessere in generale. Prendendo in considerazione il periodo che va dal 2008 a oggi, il numero di imprese è effettivamente raddoppiato, così come la creazione di impieghi è cresciuta del 16% circa e il numero di occupati del 20%. Guardiamo allora questo miracolo economico sotto un altro punto di vista: assieme al numero di aziende, a essere raddoppiato è il numero di persone in assistenza; dal 2008 a oggi, il tasso di povertà è passato da circa il 10 al 17,3% (con una differenza di +10% rispetto alla media nazionale). Il tasso di rischio povertà è invece salito dal 21,1 al 31,4%!

Se diamo un’occhiata agli stipendi, ci accorgiamo di come i salari mediani siano diminuiti in molti settori, andando a scavare un abisso sempre più profondo con la media nazionale. La lista potrebbe proseguire, ma è sufficiente per tracciare il profilo del modello di azienda che si vuole attirare con questi sgravi: quella che non ha alcuna intenzione di remunerare correttamente i lavoratori - e che quindi sfrutterà il frontalierato - che deturpa il paesaggio con capannoni fatiscenti e che non ha alcun valore aggiunto da apportare al nostro territorio. Perché il Cantone non pensa piuttosto a una politica industriale e fiscale che sia in grado di offrire posti di lavoro qualificati – andando quindi anche a investire nella formazione (invece di tagliare!) - e salari più che dignitosi per coloro che creano realmente la ricchezza e il benessere del nostro Cantone?

top

“Non si fa il proprio dovere perché qualcuno ci dica grazie... lo si fa per principio, per se stessi, per la propria dignità.”

ORIANA FALLACI

 
Sponsors