• 13098 Marco Balzano a Grono
  • 13092 Italiano "Fuori Servizio"
  • 13079 Acci...dente!
Fuori regione
martedì 27 febbraio 2018.
AutoPostale: fedpol svolgerà una procedura penale amministrativa

Su proposta del DATEC, il Consiglio federale ha deciso di far svolgere all’Ufficio federale di polizia (fedpol) una procedura penale amministrativa contro la Posta. Si tratta di esaminare e di valutare dal profilo del diritto penale le irregolarità riscontrate in relazione al beneficio di sovvenzioni per il traffico viaggiatori regionale da parte di AutoPostale SA.

Nell’ambito della sua regolare attività di revisione, l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha constatato che, nel settore del traffico viaggiatori regionale beneficiario di indennità, AutoPostale Svizzera SA ha realizzato, a partire dal 2007, utili che fra il 2007 e il 2015 sono stati trasferiti ad altri settori di attività. Il 27 febbraio 2018 il Consiglio federale ha preso atto del fatto che, per l’inchiesta penale e la valutazione di irregolarità commesse in relazione al beneficio di sussidi federali, non sono competenti né il Ministero pubblico della Confederazione, né il Ministero pubblico generale (Generalstaatsanwaltschaft) del Cantone di Berna. Le inchieste e le valutazioni in merito a eventuali infrazioni alle disposizioni della legge federale sui sussidi devono essere svolte dall’Amministrazione federale nell’ambito di una procedura penale amministrativa. Il Consiglio federale ha ora deciso di incaricare fedpol dello svolgimento di tale procedura. Diversamente da diversi organi del DATEC e del DFF, il DFGP, e quindi anche fedpol, non è portatore di interessi propri e può quindi svolgere la procedura in modo imparziale e indipendente. Non è possibile stabilire la durata della procedura penale amministrativa. Ciò dipenderà dagli elementi che emergeranno. A seconda dell’esito della procedura e dei rimedi giuridici cui si farà ricorso, potranno trascorrere anche anni fino a una decisione passata in giudicato.

top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors