• 12344 Depistanti!
  • 12302 I soliti ... cani!
  • 12188 Andrea Vitali a Grono
Lettere dei lettori
domenica 15 aprile 2018.
Borse di studio: timido passo avanti. Ora il parlamento si muova!

L’approvazione ieri da parte del Consiglio di Stato del decreto esecutivo inerente agli aiuti allo studio e alcune modifiche del regolamento di applicazione della Legge sugli aiuti allo studio sono da salutare, anche se evidentemente non bastano ancora. Il governo ha deciso infatti, fra le altre cose, di ridurre da 1/3 a 1/10 la parte di borsa di studio automaticamente convertita in prestito per gli studenti che frequentano un master.

Il Partito Comunista - benché possa vedere favorevolmente questo passaggio voluto dal Dipartimeto diretto da Manuele Bertoli - ritiene che questa misura di risparmio vada direttamente abolita, poiché mina il diritto allo studio delle classi sociali meno abbienti e di quel famoso ceto medio che è sulla bocca di tutti. Ci rendiamo tuttavia conto che qui la responsabilità non è tanto del DECS, quanto piuttosto delle maggioranze di destra sia in governo sia in parlamento che continuano a voler tagliare nella scuola pubblica e a non voler realmente affrontare i problemi di selezione sociale nell’educazione.

La petizione, corredata di oltre duemila firme, consegnata dal SISA, a cui hanno contributo anche i giovani comunisti, ora potrà servire per far cambiare rotta ai granconsiglieri che avranno l’occasione di votare per investire di più nella formazione. Il nostro deputato Massimiliano Ay sicuramente sosterrà le rivendicazioni contenute nella petizione e ci auguriamo non solo che il fronte progressista si dimostri compatto, ma che anche dalle altre forze politiche prevalga il buon senso per sostenere le famiglie che in media devono sostenere costi ingenti, pari a circa 25mila franchi annui, per garantire una buona formazione ai loro figli.

Partito Comunista

top

C’è più imbecilli tra i dotti che tra gli ignoranti: più villanie si commettono in città che in campagna: più barbarismi diconsi nelle accademie che nel mercato: più atti di barbarie si fanno in gente incivilita che in barbara.

Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

 
Sponsors