• 12249 Fastidi grass!
  • 12218 Perle a.USTRA.li
  • 12216 Salottino letterario a Bellinzona
  • 12188 Andrea Vitali a Grono
  • 12170 Divertiamoci in Biblioteca
Regionale
domenica 29 aprile 2018.
Roveredo GR, la politica, il burro e la ferrovia.
di Tommaso Perri

Lo scorso giovedì 5 aprile, la sezione UDC (Unione democratica di centro) di Roveredo, organizza presso la palestra comunale in Riva una serata informativa avente come tema “a riguardo dell’indipendenza della Svizzera nel contesto europeo, dei relativi bilaterali e dei rapporti tra Svizzera e Italia”. Ospite d’onore e conferenziere è Christoph Blocher.

Fin qui nulla da eccepire, siamo e viviamo in un paese democratico, dove tutti possono esprimere la propria opinione.
Se non ché, … se non ché ad aprire la serata e a fare gli onori di casa c’è il sindaco di Roveredo, in forza a Nuove Risorse, gruppo politico nato in tendenza politicamente a sinistra (la fondatrice proveniva dal Partito socialista).
Fosse stata una serata promossa da una Società, per esempio di ginnastica o della filarmonica, non ci sarebbe stato nulla da eccepire o da recriminare, sulla presenza con discorso d’apertura del sindaco, rappresentante di tutta la popolazione, non scordiamolo.
Ma la serata era promossa da un Partito, e qui le cose si fanno più complicate, e mi spiego.
Una società, “è un insieme organizzato di individui, è un’organizzazione di persone che si riuniscono a cooperare per interessi o scopi comuni”, (vocabolario Devoto-Oli).
Il partito invece è una ”Associazione volontaria di cittadini che aderiscono a una determinata concezione politica e sociale, e all’azione organizzata per attuarla attraverso la partecipazione alla vita pubblica…” (vocabolario Devoto-Oli).
Dunque, al sindaco spetta si l’onore e il compito di partecipare a conferenze pubbliche facendo gli onori di casa quando queste sono organizzate da società che operano per interessi e scopi comuni; dà da pensare invece se lo fa alle stesse condizioni se sono organizzate da partiti politici, il quale scopo principale è portare e far attuare la propria concezione di vedute politiche. Vi dice niente, quando in una discussione, si dice dell’interlocutore il detto “parla per partito preso?”
Porto un altro esempio: avrebbe partecipato con lo statuto di sindaco ad una conferenza indetta dal Partito comunista riguardante la distribuzione del capitale? O magari a quello degli ambientalisti, dove il tema sarebbe stato quello di abolire i glifosati perché fortemente sospettati di favorire il cancro? Si può capire l’uomo sindaco, che attratto dal tema e dal personaggio partecipi alla conferenza; non si può capire invece il politico sindaco, che a questo punto confonde il burro con la ferrovia.

Tommaso Perri

top

“La presunzione è la nostra più grande nemica. Pensaci - ciò che ci indebolisce è il sentirci offesi dalle azioni o dalle malefatte dei nostri simili. Essere presuntuosi significa spendere gran parte della propria vita offesi da qualcosa o qualcuno.”

CARLOS CASTAÑEDA

 
Sponsors