• 12341 Mar sporco!
  • 12302 I soliti ... cani!
  • 12188 Andrea Vitali a Grono
Lettere dei lettori
lunedì 21 maggio 2018.
PSGR - Giochi in denaro: Sì alla nuova legge

Sono arrivate le schede di voto. Ecco dunque le raccomandazioni di voto del PSGR per la votazione federale e per le elezioni cantonali del prossimo 10 giugno:
• SÌ alla Legge federale sui giochi in denaro
• NO all’iniziativa popolare „Moneta intera“
• Peter Peyer in Governo, Franco Vassella e Dario Monigatti in Gran Consiglio

Votazioni federali
Anche online, ma in modo legale
La nuova legge sui giochi in denaro si propone di modernizzare il mercato svizzero, permettendo anche il gioco d’azzardo online. Rafforza pure la protezione dei consumatori contro la dipendenza dal gioco, prevede misure efficaci per la lotta contro i giochi illegali e il riciclaggio di denaro, assicura che anche in futuro gli organizzatori di giochi d’azzardo contribuiscano al bene comune. Le lotterie e le case da gioco infatti garantiscono ogni anno entrate di circa un miliardo alla comunità, devolute per scopi di pubblica utilità (cultura, opere sociali, sport e ambiente) e a favore dell’AVS/AI. Oggi, chi propone dall’estero giochi d’azzardo tramite internet, invece, non sottostà a nessun controllo e non versa né tasse né alcun contributo a favore della collettività. Non contribuiscono nemmeno alla protezione dei minori, non collaborano per evitare il gioco patologico. L’accesso a questi operatori illegali online, che non rispettano le normative nazionali, con la nuova legge si potrà perciò bloccare, come già fanno 16 paesi europei. Il blocco dell’accesso è efficace. Lo dimostra l’esperienza fatta dagli altri paesi. È possibile aggirarlo, ma questo richiede un impegno eccessivo per la maggioranza degli utenti. Ecco perché gli operatori offshore dei giochi online hanno finanziato la raccolta delle firme per il referendum. Se la nuova legge non venisse accettata, i siti offshore di giochi in denaro illegali con le loro offerte di giochi, di scommesse sportive e di lotterie continuerebbero a conquistare quote di mercato senza alcun controllo. E tutto questo significa la fuga di 250 milioni milioni di franchi dalla Svizzera.

„Moneta intera“: Troppi rischi
Lo scopo dell’iniziativa è quello di impedire alle banche di stampare denaro in maniera virtuale. Secondo i fautori del testo, il denaro appartiene ai cittadini e non agli istituti di credito e per questa ragione deve essere solo la Banca nazionale svizzera (BNS) a crearlo. In questo modo gli iniziativisti intendono proteggere il denaro dei clienti delle banche e prevenire le crisi finanziarie. La Svizzera sarebbe l’unico paese ad adottare questo sistema. L’iniziativa popolare „Moneta intera„ rappresenta dunque un esperimento. Il PSGR lo ritiene troppo rischioso e quindi non può sotenerlo.

Elezioni cantonali
Peter Peyer in Governo
Il PSGR presenta una valido candidato per il Governo, sicuramente estraneo ai brogli del cartello edile, e raccomanda di scrivere il suo nome su ogni scheda. È importante che le maggiori forze politiche siano rappresentate in Governo. Altrettanto importante è una forte rappresentanza in Gran Consiglio. Merita quindi votare i candidati socialisti valposchiavini Franco Vassella e Dario Monigatti e il mesolcinese Manuel Atanes (e Nicoletta Noi), affinché possano far sentire la loro voce di periferia, critica ma costruttiva, anche da una posizione di minoranza.

PSGR

top

C’è più imbecilli tra i dotti che tra gli ignoranti: più villanie si commettono in città che in campagna: più barbarismi diconsi nelle accademie che nel mercato: più atti di barbarie si fanno in gente incivilita che in barbara.

Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

 
Sponsors