• 13098 Marco Balzano a Grono
  • 13092 Italiano "Fuori Servizio"
  • 13079 Acci...dente!
Ricordiamoli - i nostri cari
domenica 10 giugno 2018.
Domenico Decristophoris: lui c’era sempre

Nico, come veniva affettuosamente chiamato, se n’è andato silenziosamente. Non ho avuto la fortuna, negli ultimi tempi, d’incontrarlo e neppure sapevo che fosse ammalato. Mi dispiace perché è stata una persona molto presente nelle diverse situazioni che mi hanno vista coinvolta. Lui, Nico, giungeva sempre. Con il suo sorriso franco, la sua stretta di mano vigorosa, con la positività che gli illuminava il volto sapeva rinfrancarti e darti coraggio. Una persona sempre pronta all’aiuto, al colloquio, alla fiducia.
Domenico, nato nel 1934 da famiglia roveredana numerosa, viveva nella bella casa di Carasole circondato dalle attenzioni e dall’affetto della moglie Marina, dei figli Davide e Athos e della figlia Simona. La vita non gli aveva risparmiato un grande dolore con la perdita di un figlio. Che Nico aveva con molta forza d’animo combattuto, aiutato in questo dalla famiglia, dagli amici e dal lavoro che svolgeva presso l’officina di Bellinzona.
Conservo un gran ricordo di Nico, della sua disponibilità e della sua amicizia. Ai familiari in lutto l’espressione del piu’ profondo cordoglio.

Nicoletta Noi-Togni

top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors