• 12972 Dal clima con terrore...!
  • 12939 Parco naturale regionale o campo da golf?
  • 12903 "Gli impuniti" di Carla del Ponte a Grono
Cultura
martedì 26 giugno 2018.
UN MONDO DI SOLIDARIETA’ NASCOSTO CONFRATERNITE IN DUOMO A MILANO
di Teresio Bianchessi




Dell’evento: “XXV Cammino di fraternità – Confraternite Diocesi d’Italia” ne ho saputo per caso. Salutando gli amici liguri, prima del rientro, mi son sentito dire: “Domenica siamo anche noi a Milano, partecipiamo con i nostri crocefissi al raduno delle confraternite; messa alle dieci in Duomo”.
Potevo dire di no?
Eccomi quindi puntuale sul sagrato, in tempo per vedere le ultime confraternite, delle ben 220 partecipanti e provenienti da ogni regione, entrare in cattedrale con le loro colorate divise.
Noto che tutti i pellegrini hanno uno zainetto identificativo fornito dall’organizzazione al cui interno hanno trovato un santino ricordo, la spilla ufficiale del raduno, e dove possono, finita la cerimonia, riporre l’abito liturgico.
Tema del loro cammino: “I giovani, la Fede e il discernimento vocazionale nelle Confraternite d’Italia”, che sottintende ed evidenzia la crisi vocazionale di questi nostri tempi e il grande bisogno, della Chiesa, di operai per la messe.
Nei tre giorni di raduno non sono mancati momenti di preghiera, ma anche convegni all’Università Cattolica di Milano dove si è dibattuto delle confraternite, sia dal punto di vista storico, che artistico e devozionale, rimarcando, nell’occasione, il ruolo di San Carlo Borromeo che istituì, nel lontano quindicesimo secolo, le prime confraternite del SS. Sacramento.
Arrivano da lontano queste congregazioni e lo testimoniano in particolare due gonfaloni che riportano sui loro vessilli le date di costituzione: 1633 e 1697.




Il loro transito sulla piazza un poco inquieta, ma sono la memoria storica di adepti che, nel ‘600, secolo di carestie e pestilenze, scelsero il compito ingrato ma caritatevole, della sepoltura dei morti che, sovente, venivano abbandonati miseramente per strada.
Il loro lugubre saio nero, il loro cappuccio a coprire viso e soprattutto la bocca, credo fosse pensato e voluto a difesa dal rischio concreto di contagio ma anche e soprattutto per garantire l’anonimato in quel tremendo tempo di untori.
Lontani quei periodi bui, il passare dei secoli ha visto il proliferare delle confraternite e tutte le chiese, in tutti i paesi anche minuscoli e sperduti, hanno scelto di volta in volta il loro santo al quale affidarsi; al mio paese la scelta cadde su San Tarcisio e noi ragazzi divenimmo tutti “Tarcisiani” orgogliosi del nostro saio bianco e della preziosa mantella azzurra.
“Ad ogni santo la sua candela” recita il proverbio, ma pur nella diversità, le congregazioni sono generalmente accomunate dai servizi che svolgono e che prevedono oltre al culto e alla preghiera, anche la manutenzione ordinaria della chiesa e di ogni parte adiacente e pertinente, la promozione di eventi culturali sempre aderenti con la propria fede, il conforto ai confratelli, ai bisognosi, ai sofferenti, e sostegno alla comunità in caso di lutto o qualsiasi altro trauma personale o sociale.
Tutte queste opere sono meritevoli e sono prevalentemente svolte in silenzio, con assoluta riservatezza, discrezione, pacatamente ed è quasi eroico che queste realtà resistano ancora in questo nostro mondo distratto, egoista, sbrigativo; va dato loro grande merito.



In Duomo ho visto un’umanità che sta evaporando perché pochi, troppo pochi i capelli corvini presenti, mentre stendardi e croci erano prevalentemente nelle mani callose di anziani che procedevano con passi incerti e altri vessilli, erano sventolati orgogliosamente da anziane signore che ancora avevano il capo coperto dal velo nero.
Ma a loro ci si può aggrappare, lo sta facendo anche Papa Francesco che cerca, favorendo questi raduni, di rinvigorire un fuoco d’amore; crede infatti che sotto la cenere di questa società caotica e confusa, vessilli e crocefissi possano di nuova far divampare la gioia dei valori persi.



Evidenti i contenuti religiosi e morali del raduno, ma spettacolare anche il folclore e la sfilata finale attorno al Duomo.
Nutritissima la pattuglia dei liguri scesi con i loro storici e preziosi crocefissi, su taluni il Cristo crocefisso era nero.
A questo punto però, per godersi la sfilata, più che le mie parole, valgono le immagini.
Curiosate.
top

Alla fine, ciò che conta non sono gli anni della tua vita, ma la vita che metti in quegli anni.

(Abraham Lincoln)

 
Sponsors