• 13030 Archiviato l’albero dell’Avvento librario 2018
  • 13010 Visita la Val Calanca con i mezzi pubblici!
  • 13005 AnarchiCO(LON)!
Lettere dei lettori
giovedì 9 agosto 2018.
Mesocco - 40 anni fa l’alluvione

La mattina dell’8 agosto 1978 la popolazione di Mesocco dovette prendere atto con sgomento delle conseguenze causate dall’alluvione scatenatosi durante la notte: un’abitazione, una chiesa e vari edifici agricoli spazzati via; il campo di calcio e altre costruzioni fortemente danneggiate. Argini cancellati o seriamente compromessi, strade distrutte o ostruite; scoscendimenti di grossa portata con gravi conseguenze per la sicurezza del Paese.

Da subito le Autorità locali, in collaborazione con Confederazione e Cantone, si sono impegnate anima e corpo per mettere in sicurezza persone e cose e per pianificare la ricostruzione. E, proprio grazie a questo impegno, è stato possibile in pochi anni rimediare ai danni causati da una notte in cui il Comune è stato in balìa delle forze della natura nel loro aspetto più aspro. Rimasero le conseguenze finanziarie, poi ammortizzate nel tempo. Rimane tutt’ora in chi era a Mesocco quel giorno il senso di incredulità, l’odore di fango e, infine, il sollievo nel sapere che “l’aluviòn” comunque non aveva causato vittime.

top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors