• 12726 Cose strane ... scusate ... scale strane!
  • 12690 Cipressi
Regionale
mercoledì 5 settembre 2018.
La "signora in giallo"
di Giuseppe Russomanno

Dopo Nicoletta Noi-Togni, Emmanuelle Rossini, Melissa Parolini, Daniela Stoffner e Rosella Bernasconi abbiamo incontrato un’altra donna che si è distinta nel suo lavoro, un lavoro che un tempo era prettamente maschile e che la nostra ospite, la signora Carmen Mutti, svolge perfettamente e senza far rimpiangere la mancanza dell’autista al maschile!

Seguiamola nel suo racconto ...




Buongiorno signora Mutti, ci vuole parlare un po’ di lei?

Buongiorno, mi chiamo Carmen Mutti, ho 41 anni, abito a Mesocco, sono sposata con Fabio e ho due figlie di 12 e 14 anni. Finito le scuole dell’obbligo ho svolto l’apprendistato di impiegata di commercio presso il Municipio di Roveredo, ho lavorato alcuni mesi nell’amministrazione cantonale delle imposte a Coira e poi ho fatto pratica con i camion delle poste sempre a Coira.

Come mai questa professione che di solito è praticata dagli uomini?

E’ una tradizione di famiglia, la ditta è stata tramandata da padre in figlio… già da oltre 120 anni, quindi sono nata tra i torpedoni gialli. Guidare è sempre stata la mia passione, a 12 anni ho guidato la prima posta sul piazzale di San Bernardino con al fianco mio papà. Poi diciamo che la scelta vera e propria l’ho fatta nel 1997 con la morte improvvisa di mio papà. Dovevamo decidere se continuare con la ditta o chiudere e con l’aiuto dei nostri dipendenti abbiamo deciso con la mia famiglia di continuare. Nel 2013 siamo stati costretti a fare la fusione, perciò ora lavoro per la Trasporti Pubblici Moesano SA.

Quali sono le difficoltà che una donna può incontrare in questa attività? E se dovesse ritrovarsi con uno pneumatico forato?

Ma diciamo che grandissime difficoltà non ce ne sono. Bisogna comunque farsi valere; all’inizio certi clienti maschi arrivavano con le battutine tipo... donna al volante…; ma ci si può fidare a salire con una donna… ecc.; poi anche loro si sono abituati e adesso è normale. Uno pneumatico forato? Già successo… basta chiamare il garage e arriva il veicolo sostitutivo ed il gioco è fatto… diciamo che non è una soluzione solo per le donne, questo vale anche per i miei colleghi maschi.

Come la vedono o meglio come la vedevano i suoi colleghi maschi?

Direi che con i colleghi maschi non ho mai avuto problemi, anzi sono sempre stati molto comprensivi e pronti ad aiutarmi. Con questo mestiere ho conosciuto molte persone tanto in Mesolcina come nella valle del Reno e quando passo tanto i clienti come gli abitanti mi salutano.

Come riesce ad organizzarsi, penso anche alla conduzione della famiglia e non solo delle “poste”!

Per questo devo ringraziare la mia famiglia, senza di loro non ci sarei riuscita. Quando abbiamo iniziato nel 1997 mia mamma lavorava ancora come insegnante, mia sorella in un ufficio. Quando ho fatto la patente riuscivo a fare i turni e anche a svolgere le mansioni d’ufficio. Nel 2004 è nata la mia prima figlia e lì c’è stata un’altra decisione da prendere… Mio fratello guidava e preparava i turni e alcune mansioni d’ufficio, io guidavo solo e mia sorella ha preso in mano tutto l’ufficio e in più faceva anche da baby-sitter, in quanto anche mia mamma e mio marito lavoravano. Nel 2006 con la nascita della seconda figlia ho continuato solo come autista supplente e per questo mi sono trasferita da Roveredo a Mesocco, perché qui avevo sempre chi si occupava delle mie figlie in mia assenza. Per 5 anni ho svolto il trasporto degli scolari con un pulmino. Ma adesso che le ragazze sono più grandi e la nonna è a casa riusciamo a gestire il tutto.

Suo marito che cosa ne pensa?

Siccome facevo questo mestiere già prima di sposarmi, o prendere o lasciare… No scherzi a parte, lavorando anche lui a turni come macchinista FFS, siamo nella stessa situazione. Devo dire che ho un marito molto comprensivo e si adatta a fare anche i lavori di casa e seguire le figlie quando non ci sono.

Consiglierebbe questo lavoro ad altre donne?

All’inizio, nella direzione di Bellinzona eravamo solo in 3, adesso tanto in Ticino e tanto nei Grigioni, ci sono sempre più donne autiste con veicolo pesanti. Certo, lo consiglio anche se ogni tanto bisogna aver pazienza, stringere i denti e contare fino a dieci…. Come succede d’altronde in tutti i mestieri.



Giuseppe Russomanno
top

Un fiocco di neve è una delle creazioni più fragili di Dio, ma guarda che cosa possono fare i fiocchi quando si attaccano insieme!

(Anonimo)

 
Sponsors