• 13098 Marco Balzano a Grono
  • 13092 Italiano "Fuori Servizio"
  • 13079 Acci...dente!
Politica
martedì 11 dicembre 2018.
Il Consiglio federale ha proceduto alla ripartizione dei dipartimenti

Nella sua nuova composizione, il Consiglio federale ha proceduto il 10 dicembre 2018 alla ripartizione dei sette dipartimenti e disciplinato le supplenze.

Il Collegio governativo ha deciso la seguente ripartizione dei dipartimenti:
· Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE):
Consigliere federale Ignazio Cassis
Supplente: consigliere federale Ueli Maurer
· Dipartimento federale dell’interno (DFI)
Presidente della Confederazione Alain Berset
Supplente: consigliere federale Ignazio Cassis
· Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP)
Consigliera federale Karin Keller-Sutter
Supplente: Consigliera federale Simonetta Sommaruga
· Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS)
Consigliera federale Viola Amherd
Supplente: consigliere federale Guy Parmelin
· Dipartimento federale delle finanze (DFF)
Consigliere federale Ueli Maurer
Supplente: presidente della Confederazione Alain Berset
· Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR)
Consigliere federale Guy Parmelin
Supplente: consigliera federale Karin Keller-Sutter
Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC)
Consigliera federale Simonetta Sommaruga
Supplente: consigliera federale Viola Amherd

I membri del Consiglio federale discutono la ripartizione dei dipartimenti collegialmente e si esprimono secondo il principio di anzianità. La decisione sulla ripartizione dei dipartimenti è presa di comune intesa dal Collegio.
Il Consiglio federale confermerà ufficialmente la ripartizione dei dipartimenti nella sua seduta del 16 gennaio 2019 ed è lieto di continuare il suo lavoro nella nuova composizione.

top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors