• 13098 Marco Balzano a Grono
  • 13092 Italiano "Fuori Servizio"
  • 13079 Acci...dente!
Comunicati
lunedì 17 dicembre 2018.
Grande successo nelle prime gare di coppa europa per gli atleti del Bob Club Svizzera Italiana.

Ma la Federazione Svizzera non intende sostenere i migliori atleti.

Nelle prime gare dell’anno svoltesi in Germania (Altenberg e Königssee) l’equipaggio del BCSI, capitanano dal pilota Engadinese Cédric Follador, é riuscito a migliorarsi di altre 10 posizioni rispetto alla scorsa stagione dove gareggiava come debuttante.

Ad Altenberg infatti, nella gara di bob a 2, é riuscito nell’impresa di piazzarsi nei primi 10 della classifica, raggiungendo un meritatissimo 9. posto.

lo scorso fine settimana, a Königssee, nelle 2 gara di bob a 4 sia piazzato al 12. posto, risultando miglior svizzero in gara, e 15. posto nella seconda gara del fine settimana.

Fino ad ora il team BCSI di Cédric Follador si sta battendo alla grande e assieme al Team di Timo Rohner (figlio d’arte) i due risultano i migliori equipaggi svizzeri nelle gare di coppa europa, ma purtroppo lo sguardo, il sostegno e il supporto della federazione Swiss Sliding é rivolto su altri atleti della Svizzera interna.

Dopo i pessimi risultati ottenuti agli scorsi Giochi Olimpici e dopo i numerosi ritiri dei migliori atleti, la Federazione sta seguendo una strategia che secondo molti non è vincente, né a corto né a medio termine. Visto il periodo di crisi del bob svizzero è forse giunto il momento che la Swiss Sliding alzi lo sguardo verso il sud delle Alpi perché atleti che già oggi hanno esperienza e capacità di riportare a breve termine i colori rossocrociati ai massimi livelli si trovano anche oltre il confine del Canton Zurigo. Il prossimo incontro con la Federazione e i Club è fissato al 30 dicembre e di sicuro non terminerà fintanto che non si sarà fatta chiarezza sulla strategia che si vuole adottare per il prossimo futuro.



Foto di Königsee del 16.12.2018: il pilota engadinese Cédric Follador con i frenatori Jones Gregory e i ticinesi Farut Dominguez e Alexander Crotta.
top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors