• 13030 Archiviato l’albero dell’Avvento librario 2018
  • 13010 Visita la Val Calanca con i mezzi pubblici!
  • 13005 AnarchiCO(LON)!
Comunicati
mercoledì 26 dicembre 2018.
Posta: settimana prenatalizia, 1,4 milioni di pacchi al giorno

(ats) Il numero di pacchi smistati dalla Posta ha raggiunto il culmine nella settimana prenatalizia, toccando quota 1,4 milioni al giorno. Dal Black Friday del 23 novembre in poi, i nastri trasportatori dei centri di smistamento del gigante giallo hanno lavorato a pieno regime, tanto da ottenere cifre da primato.

In queste settimane infatti sono stati trattati 25 milioni di pacchi, volume che rappresenta un nuovo record. Oltre 400 milioni invece le lettere inviate, informa oggi con una nota l’azienda.

Se si escludono alcune ore dedicate alla manutenzione, i nastri trasportatori dei tre centri di Frauenfeld (TG), Härkingen (SO) e Daillens (VD) sono stati in funzione 24 ore su 24, prosegue il comunicato. Per rispettare le tempistiche, è stato impiegato tutto il personale disponibile: i dipendenti di questi tre impianti hanno lavorato anche gli ultimi cinque sabati per amministrare la gigantesca mole di pacchi, fa sapere il gigante giallo.

Quotidianamente, i pacchi smistati hanno costantemente superato il milione. Nei giorni più frenetici sono stati recapitati fino a 17 milioni di invii (lettere, pubblicità e giornali). La Posta ricorda che, per poter gestire al meglio questi picchi di carico in un contesto in cui il commercio online è in crescita, è attualmente impegnata a costruire tre nuovi centri regionali a Cadenazzo, Untervaz (GR) e Vétroz (VS).

Nella nota si rammenta inoltre l’iniziativa di solidarietà "2 x Natale", che ha preso il via il 24 dicembre in collaborazione con Croce Rossa Svizzera, SRG SSR e Coop. Presso tutte le filiali della Posta è possibile spedire gratuitamente pacchi con donazioni contenenti generi alimentari a lunga scadenza (ad esempio riso, olio, caffè o conserve) e prodotti per l’igiene, come sapone e dentifricio. L’azione terminerà l’11 gennaio.

top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors