• 13030 Archiviato l’albero dell’Avvento librario 2018
  • 13010 Visita la Val Calanca con i mezzi pubblici!
  • 13005 AnarchiCO(LON)!
Fuori regione
domenica 13 gennaio 2019.
Coira: incendio intenzionale, muore uomo e due figli

(ats) Un padre e i suoi due figli sono morti in un incendio divampato la scorsa notte in una palazzina di sei piani a Coira. Una cinquantina di persone è stata sfollata. Secondo la polizia, le fiamme sono state appiccate dall’uomo.

La segnalazione dell’incendio è giunta alla centrale d’allarme stamani alle 3.05, precisano le forze dell’ordine retiche in un comunicato. Nell’appartamento in fiamme i pompieri hanno trovato tre corpi che appartengono a un cittadino dominicano di 33 anni, al suo figlio di 3 anni e alla figlia di 8. L’identificazione formale delle vittime è ancora in corso, precisa la polizia.

Stando alle prime indagini, l’incendio è stato appiccato dal 33enne che ha utilizzato anche un accelerante che ha causato almeno una esplosione. Sei inquilini e due vigili del fuoco sono stati condotti all’ospedale cantonale per sospetta intossicazione da fumo.

Complessivamente 48 persone sono state sfollate da 38 appartamenti dell’edificio, situato sul Foralweg, a sud del capoluogo. Sono stati alloggiati in un vicino esercizio pubblico e curati da psicologi del Care Team Grischun.

Una parte degli sfollati ha potuto rientrare a casa stamani, ha affermato il portavoce della polizia Markus Walser. Prima di permettere ad altri inquilini di tornare nel loro alloggio è necessario stabilirne l’abitabilità, ha precisato.

Sul posto sono intervenuti soccorritori da Coira, ma anche da Schiers e Thusis. Allo spegnimento hanno partecipato 70 pompieri, che già in mattinata avevano completamente domato le fiamme. Procura e polizia cantonale hanno avviato indagini per appurare le cause dell’incendio.

top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors