• 13504 La strada del San Bernardino in mostra all’Ospizio
  • 13503 Libri in libertà - Mattia Bertoldi a Grono
  • 13417 Messi ... male!
  • 13359 I soliti mozzi...coni!
Politica
giovedì 21 febbraio 2019.
Comunicato del Governo del 21 febbraio 2019

Il Governo ha risposto al progetto posto in consultazione dalla Confederazione concernente il congedo di paternità. Inoltre si impegna a favore del riconoscimento del cane da pastore dell’Anatolia nel programma nazionale di protezione del bestiame.

Il Governo accoglie favorevolmente un congedo di paternità di due settimane

Il Governo ha preso posizione riguardo al controprogetto indiretto all’iniziativa popolare "Per un congedo di paternità ragionevole – a favore di tutta la famiglia". Il progetto posto in consultazione dalla Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati (CSSS) prevede un congedo di paternità pagato di due settimane che può essere utilizzato dal padre entro sei mesi dalla nascita in un blocco unico o in singoli giorni. È previsto che il congedo di paternità venga finanziato attraverso l’indennità per perdita di guadagno, come avviene per l’indennità di maternità.
Il Governo sostiene gli obiettivi dell’iniziativa di commissione. Esso ritiene che sia i padri, sia le madri e non da ultimi i figli traggano beneficio da un congedo di paternità. Il congedo di paternità è un segnale forte a favore di una ripartizione paritaria dei ruoli e della varietà dei modelli familiari. Nella prima fase successiva al parto esso contribuisce a conservare il potenziale della manodopera locale. Se entrambi i genitori partecipano sin dall’inizio alla custodia dei bambini, senza che un genitore debba rinunciare a svolgere un’attività lucrativa, anche l’economia beneficia della conservazione di lavoratori esperti. Per tale ragione il Governo accoglie con favore la soluzione di compromesso proposta dalla maggioranza della commissione che prevede un congedo di paternità di due settimane. Allo stesso modo il Governo accoglie con favore il finanziamento del congedo di paternità attraverso l’indennità per perdita di guadagno in analogia a quanto accade per l’indennità di maternità.

Documentazione relativa alle procedure di consultazione delle Commissioni parlamentari

I cani da pastore dell’Anatolia devono essere inseriti nel programma nazionale di protezione del bestiame

Il Governo si è rivolto alla Consigliera federale Simonetta Sommaruga con una lettera che ha ad oggetto il riconoscimento della razza canina "cane da pastore dell’Anatolia" quale razza adatta alla protezione del bestiame nel programma nazionale di protezione del bestiame della Confederazione. La Confederazione sta elaborando una nuova guida d’applicazione riguardo alla protezione del bestiame e delle api. Al suo interno l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) designa le razze di cani adatte alla protezione del bestiame riconosciute nel programma nazionale di protezione del bestiame. Il Governo ritiene che l’UFAM abbia rinunciato incomprensibilmente a inserire, ossia a riconoscere, il cane da pastore dell’Anatolia.
Da quando dieci anni fa sono state avviate misure di protezione del bestiame, varie aziende molto esperte intrattengono una stretta collaborazione con il Cantone dei Grigioni. Oggi tutte queste aziende detengono con successo cani da pastore dell’Anatolia, i quali vengono utilizzati nei Grigioni dal 2015. Le aziende hanno contribuito in misura determinante al successo della protezione del bestiame sviluppata nei Grigioni e insieme al Cantone svolgono preziose attività di comunicazione e di formazione riguardo a cani da protezione del bestiame. Anche grazie al successo delle aziende che lavorano in maniera professionale e alla stretta collaborazione tra aziende, autorità e popolazione la protezione del bestiame si è rivelata valida. Nel frattempo almeno un quinto delle aziende dotate di cani da protezione del bestiame detiene cani da pastore dell’Anatolia oppure intende impiegare questa razza. In ottica futura la mancanza del riconoscimento di questa razza canina nel programma nazionale produrrebbe quindi conseguenze negative gravi e di ampia portata. Tutte le aziende impegnate nel Cantone dei Grigioni non potrebbero continuare a lavorare con i loro cani nonostante i risultati convincenti ottenuti e verrebbero escluse dal riconoscimento ufficiale a livello federale.



Video e ulteriori informazioni riguardo alla protezione del bestiame nei Grigioni

Strada forestale più larga nel Ronenwald a Davos

Il Governo ha approvato il progetto relativo alla strada forestale Ronenwald nel Comune di Davos e a tale scopo ha concesso un contributo cantonale per un importo massimo pari a 930 000 franchi. Il progetto comprende l’ampliamento di una strada forestale esistente su un tratto di 675 metri, in modo da renderla accessibile ai camion. Inoltre verrà ampliata una strada agricola e forestale esistente lunga 90 metri e che si dirama dalla strada forestale. Il progetto ha inizio all’uscita del paese di Monstein alla fine della strada cantonale e segue la strada esistente in direzione Oberalp.



©Markus Hubert

Weniger Unfälle dank neuem Kreisel in Pontresina

Meno incidenti grazie a una nuova rotonda a Pontresina
La località di Pontresina è allacciata alla strada del Bernina con tre collegamenti. Il collegamento centrale Gitögla serve a raggiungre la stazione di Pontresina nonché il nucleo di paese in cui si trovano vari negozi e alberghi. Dalla realizzazione del collegamento nel 1977 per mano del Comune di Pontresina, incidenti stradali si sono verificati con regolarità. Anche la soppressione della possibilità di svoltare a destra non ha permesso di ridurre il numero di incidenti.
Ora il Governo approva il progetto relativo alla ristrutturazione del collegamento di Gitögla al fine di soddisfare le esigenze odierne in termini di sicurezza. A tale scopo, la ristrutturazione dello snodo comporterà la realizzazione di una nuova rotonda.



Oggetti in votazione il 19 maggio 2019

Il Governo ha preso atto del fatto che domenica 19 maggio 2019 saranno sottoposti a votazione popolare i seguenti oggetti federali:

- legge federale del 28 settembre 2018 concernente la riforma fiscale e il finanziamento dell’AVS (RFFA); e - decreto federale del 28 settembre 2018 che approva e traspone nel diritto svizzero lo scambio di note tra la Svizzera e l’UE concernente il recepimento della direttiva (UE) 2017/853 che modifica la direttiva UE sulle armi (Sviluppo dell’acquis di Schengen).

Domenica 19 maggio 2019 si voterà inoltre sull’oggetto cantonale seguente:

- iniziativa popolare per l’abrogazione della caccia speciale (iniziativa sulla caccia speciale).

top

Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell’animo nostro.

Epicuro

 
Sponsors