• 14812 Grono - Tre autori per una serata speciale
  • 14796 Avviato il programma di prevenzione del tumore all’intestino per i Grigioni
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
  • 14617 Apphalthopolis
Regionale
domenica 31 marzo 2019.
Bella giornata in Landarenca con la Pgi moesana
di Lino Succetti

Come annunciato dalla collaboratrice regionale Aixa Andreetta si è svolta oggi 31 marzo 2019 in Landarenca l’annuale assemblea ordinaria della Sezione moesana della Pro Grigioni Italiano. Durante l’assemblea, oltre ai conti annuali sono stati ricordati i numerosi e ben frequentati appuntamenti organizzati anche nel Moesano nell’anno del centenario della Pgi e il calendario delle attività per l’anno in corso, visibili in rete consultando il sito www.pgi.ch/index.php/centri-....



Alla ben frequentata assemblea, con un’ubicazione inedita nel suggestivo paesello calanchino posto su di un bel terrazzo a circa 1300 m s.l.m. sulla sponda destra della Calancasca e raggiungibile a piedi dal fondovalle da Selma tramite una comoda mulattiera o con il collegamento tramite teleferica, è seguito un ottimo spuntino di prodotti locali “alla (ri)scoperta dei sapori del territorio”, offerto dalla Pgi e preparato sul terrazzo dell’ostello Natura e Benessere, gestito da Salima Negretti.



Al momento conviviale ha fatto seguito lo spettacolo teatrale Fiabe in musica con Augusta Balla, voce narrante e Simone Campa, musicista. Le letture in musica sono tratte dalla raccolta Tre ore a andare, tre ore a stare, tre ora a tornare edita dalla Pro Grigioni Italiano nel 2013. Il tempo magico del numero tre, tempo necessario a farci incantare e permetterci di accedere ad un altro mondo, di entrare in un luogo sconosciuto, popolato di esseri inquietanti eppure famigliari. Un viaggio tra memorie, luoghi, paure, sogni e desideri comuni a tutti gli esseri umani e che ancora oggi ci forniscono verità e modelli per l’ordine di tutte le cose, per dare un nome al destino, un senso alla sofferenza, uno spazio alla speranza.



top

“I bambini oggi sono dei tiranni. Contraddicono i genitori, ingoiano il loro cibo e tiranneggiano i loro insegnanti.”

Socrate

 
Sponsors