• 13770 Cess...tini in oltra!
  • 13731 Il campanile!
  • 13504 La strada del San Bernardino in mostra all’Ospizio
Lettere dei lettori
mercoledì 8 maggio 2019.
Uber deve finalmente finirla di giocare sporco

Il sindacato syndicom accoglie con soddisfazione la sentenza del Tribunale del lavoro di Losanna nella causa di un autista contro Uberpop. Il Tribunale infatti lo classifica come dipendente di Uberpop e con ciò avalla chiaramente la richiesta di syndicom: Uber deve rivedere il suo modello commerciale, rispettare la legislazione svizzera e assumersi finalmente la sua responsabilità sociale. UberEats potrebbe dar prova di ciò e aderire al CCL per i corrieri in bici e i servizi urbani di corriere.

In tutto il mondo il modello commerciale di Uber si basa sul dumping salariale e sull’aggiramento delle leggi. Anche in Svizzera. Con la sua sentenza, il Tribunale del lavoro di Losanna ha emesso una decisione di principio che urgeva da tempo: il rapporto di lavoro tra Uber e i suoi conducenti è paragonabile ad un contratto di lavoro tra una ditta di taxi e i suoi collaboratori. Già nel 2017 la SUVA aveva classificato Uber come datore di lavoro. Ciò malgrado Uber finora si è rifiutato di inquadrare i suoi autisti come dipendenti e di corrispondere loro le relative prestazioni. syndicom spera che la sentenza di Losanna spianerà la strada verso la giusta direzione.

Digitalizzazione sì ma solo insieme alla responsabilità sociale

In passato syndicom ha più volte segnalato i disservizi a Uber. Adesso sul gruppo incombe la responsabilità sociale di ripensare il suo modello. Questo comprende il rispetto degli obblighi legali e la tutela dei diritti dei lavoratori. La digitalizzazione non può essere realizzata a scapito delle condizioni di lavoro e delle garanzie sociali. Le nuove forme di lavoro e le tecnologie emergenti potranno riscontrare consenso soltanto se contemporaneamente verranno anche tutelati gli interessi dei lavoratori. E il miglior modo per farlo è firmare un contratto collettivo di lavoro (CCL).

CCL dei corrieri contro il dumping salariale a UberEats

Con il CCL per i corrieri in bici e i servizi urbani di corriere syndicom offre a Uber un’ottima opportunità per assumersi esattamente quella responsabilità sociale. UberEats vuole consolidarsi in Svizzera in collaborazione con McDonalds. Ma senza rispettare le condizioni di lavoro d’uso nel settore. Un modello del genere alimenta cattive condizioni di lavoro ed agevola la precarizzazione del lavoro. syndicom rinnova il suo invito a UberEats di applicare ai suoi dipendenti il CCL dei corrieri in vigore dal 1° maggio 2019 e di cercare il dialogo sociale con syndicom.

top

Ogni uomo può dire quante oche o quante pecore possiede, ma non quanti amici.

Cicerone

 
Sponsors