• 13943 Che AvVento che tira?
  • 13937 Mosconi sul sofà 5 nell’aula magna di Grono
  • 13918 Grono - Festa di San Clemente
  • 13810 SUPSI ... a lezione d’italiano!
Varie
domenica 2 giugno 2019.
Centrale di distribuzione Coop a Castione / posa prima pietra della nuova panetteria
Pane per 15 milioni

La panetteria Coop a Castione si modernizza e produrrà pane e specialità per tutta la Svizzera.

Una simbolica palata ha dato inizio ai lavori di modernizzazione della panetteria di Coop a Castione che dal prossimo anno produrrà con forni all’avanguardia diversi tipi di pane che raggiungeranno i negozi Coop di tutta la Svizzera. L’investimento complessivo supera i 15 milioni, almeno 5 restano in Ticino, e saranno aumentati i posti di lavoro, oltre a garantire i 30 attuali. Questo passo è il segno tangibile che Coop crede nel Ticino e che investe per trasformare la panetteria in un centro di riferimento per il Paese. La qualità dei prodotti sfornati assieme alle conoscenze e abilità dei panettieri di Coop, fanno di questa struttura il fiore all’occhiello del gruppo. Coerente nei suoi principi, anche per questi lavori Coop ha seguito i propri punti di forza pensando a una panetteria moderna e sostenibile. Infatti, sarà dotata di un forno a legna (pellet svizzero) per il pane e uno a gas per i panettoni. I due forni hanno il ricupero dell’energia, permettendo una chiara riduzione di CO2. Il forno a legna migliora la qualità del pane prodotto. A questo impegno ecologico se ne aggiunge un altro: il pane sarà inviato nel resto del Paese per ferrovia.

Durante i lavori, che dureranno alcuni mesi, la produzione quotidiana di pane e specialità è garantita, oltre che lavoro a imprese e artigiani locali. Tra le principali ditte che collaborano al progetto troviamo Studio Masotti, Lotti, Mastai, Reali, Betoncut, Walo, Sabesa, Forte e Sika. Coop garantirà a molte di queste imprese nel tempo altro lavoro in quanto l’impianto abbisogna di manutenzione. Con questa nuova panetteria saranno creati posti di lavori nuovi, perché nonostante i macchinari, gran parte del pane si fa a mano.

Tra le novità anche il cambio della paletta dei prodotti proposti. Il panificio avrà tre tipi di produzione: il pane fresco, che ogni giorno sarà venduto nei negozi ticinesi; i panettoni, di cui è stata rivista e modificata la ricetta; la produzione di trecce precotte, preparate nel forno a legna, che raggiungeranno le Coop di tutta la Svizzera.



Nella foto (di Massimo Pedrazzini): il momento simbolico della prima palata con i responsabili della panetteria e Luigi Decarli, sindaco di Castione.
top

“Non si fa il proprio dovere perché qualcuno ci dica grazie... lo si fa per principio, per se stessi, per la propria dignità.”

ORIANA FALLACI

 
Sponsors