• 13770 Cess...tini in oltra!
  • 13731 Il campanile!
  • 13504 La strada del San Bernardino in mostra all’Ospizio
Politica
giovedì 29 agosto 2019.
Squadra che vince non si cambia
di Fabrizio Keller

Il 20 ottobre 2019 saremo chiamati alle urne per eleggere il Consiglio nazionale e, per il nostro Cantone, anche i due parlamentari che ci rappresenteranno al Consiglio degli Stati.

I senatori uscenti Stefan Engler (PDC) e Martin Schmid (Liberali) si presentano per un nuovo mandato. Nel gergo sportivo si usa un’espressione che mi sento di utilizzare anche in questa occasione: squadra che vince non si cambia.

Che Engler e Schmid costituiscano una squadra che al meglio rappresenta tutto il ventaglio degli interessi del Cantone Grigioni è fuori dubbio. E che essi si sappiano sapientemente divi-dere i compiti riuscendo così a conseguire dei concreti risultati è anche indiscutibile.

Stefan Engler, grazie alla sua grande esperienza politica maturata anche nei tre mandati nei quali è stato membro e presidente del Governo grigionese, ha sempre attivamente partecipato alle commissioni e ai temi legati all’energia, ai trasporti e infrastrutture, alle foreste, alla caccia e alla promozione dell’economia principalmente nelle regioni di montagna, con una foca-lizzazione sulle esigenze turistiche.

Martin Schmid ha avuto un’esperienza decennale nel Governo grigionese quale membro e presidente e ha acquisito competenze nel campo della sanità, sicurezza, militare e delle finanze. Ha anch’egli, come ogni grigionese, una particolare sensibilità verso le regioni di montagna e per i temi del turismo, dello sviluppo regionale e di quello economico in generale.

Entrambi sono nati e cresciuti nelle valli Grigionesi: Engler a Surava (Valle dell’Albula) e Schmid a Splügen (Valle di Reno Posteriore).

I temi dei quali si sono occupati i nostri senatori sono molteplici e voglio qui citarne solo alcuni a testimonianza del loro grande impegno e della indubbia competenza. Engler ha depositato negli ultimi anni tra gli atti:
- una mozione per il riconoscimento della diversità linguistica;
- una mozione per la semplificazione dell’IVA:
- un’interpellanza per preservare il Museo alpino svizzero;
- un’iniziativa parlamentare sul sostegno alla stampa nella trasformazione digitale;
- una mozione sulla convivenza tra lupi e comunità montane;
- un postulato per la lotta alla corruzione negli acquisti pubblici.

Schmid ha presentato nel recente passato tra gli altri:
- una mozione per eliminare la discriminazione nei confronti delle donne impiegate dalla Confederazione;
- un’interpellanza sui rischi legati alle cyber-valute;
- una mozione sull’adattamento delle basi legali per le e-bike;
- un’interpellanza per considerare in modo adeguato il Canton Grigioni nel quadro dell’ulteriore sviluppo dell’esercito;
- mozione sull’abrogazione dell’obbligo di firmare la dichiarazione d’imposta.

Due senatori quindi che compongono una squadra grigionese competente, ben assortita e capace di affrontare insieme tutti i grandi temi della politica federale. Indipendentemente dall’appartenenza partitica essi hanno sempre agito congiuntamente nella rappresentanza degli interessi del nostro Cantone nel Consiglio degli Stati. I due parlamentari meritano di essere congiuntamente riconfermati.

top

Ogni uomo può dire quante oche o quante pecore possiede, ma non quanti amici.

Cicerone

 
Sponsors