• 14617 Apphalthopolis
  • 14616 Verdabbio - Inaugurazione "Libri in Libertà"
Varie
mercoledì 25 settembre 2019.
Dai Grigioni per i Grigioni
di Gianluca Giovanoli

In questi giorni troviamo nelle buca delle lettere le schede per le elezioni nazionali del prossimo 20 ottobre. Raramente è stato così difficile scegliere la lista o i candidati che fanno al proprio caso, in quanto ben 100 (!) persone si candidano per 5 seggi al Nazionale e 6 per i due seggi degli Stati.

Prima delle elezioni sembrano non contare le posizioni e le idee che i personaggi (e i partiti di cui fanno parte) solitamente sostengono e difendono. I socialisti sembrano non aver mai voluto far parte dell’UE, i Liberali sono tutto d’un tratto più verdi dell’uomo Del Monte e il PPD sembra aver dimenticato l’ama il tuo prossimo come te stesso e lancia frecciate a destra e a manca. I Verdi e i Verdi Liberali hanno un solo tema su cui si esprimono e il PBD si auto-dichiara noioso.
Un solo partito non ha mai abbandonato la linea e le idee che da anni persegue.
Liberi e sicuri. Ecco quanto desiderano le e gli Svizzeri. Liberi da divieti e leggi inutili vivendo con la consapevolezza di far parte di un mondo sicuro per se e i propri figli. Un Paese è forte quanto è forte la sua economia e non la sua amministrazione.
Condizioni quadro e linee guida snelle ed efficaci, appaiate a un tasso d’imposta giusto ma minimo, fanno sì che l’economia possa fiorire. Un esercito nel quale i cittadini hanno fiducia. Una politica d’asilo che aiuta chi veramente ne ha bisogno e non concede spazio a abili profittatori di un sistema troppo facile da aggirare. Una politica estera che fonda sulla reciprocità e non sulla sottomissione. Uno Stato fiero della proprietà dei propri cittadini senza penalizzare chi ha saputo risparmiare e costruirsi una casa propria o un’azienda ben funzionante. Un sistema educativo e di formazione forte e effettivo che metta al centro i bambini e gli alunni. Uno Stato che mira a una politica energetica fondata sui propri punti di forza e non seguendo l’onda che va di moda. Un sistema sanitario qualitativamente al top ma economicamente sostenibile anche per il ceto medio. Una Nazione all’avanguardia nella digitalizzazione e che sappia difendere la propria tradizione, cultura e religione. Uno Stato in cui l’agricoltura possa ancora essere tale e non un apparato in balìa di regolamentazioni, restrizioni e burocrazia. Un Paese che mette al centro l’individuo, la famiglia e la società e in cui regnano la sicurezza, la legalità e l’ordine. Uno Stato in cui il sistema sociale è presente per aiutare chi veramente ne ha bisogno e non chi meglio ne sa approfittare. Un Paese che la protezione dell’ambiente la pratica perché i suoi abitanti sono stati educati e non rilasciando leggi, restrizioni e divieti. Da decenni l’UDC persegue questi obiettivi che da secoli hanno reso forte questa piccola nazione priva di materie prime ma forte perché autonoma e libera.
Il prossimo 20 ottobre votiamo UDC, inserendo le schede numero 14 o 16 per il Consiglio nazionale e scrivendo il nome di Valérie Favre Accola sulla scheda per il Consiglio degli Stati.

Gianluca Giovanoli, Vicosoprano

top

“Una parte di uomini opera senza pensare, una parte pensa senza operare, pochi operano dopo aver pensato.”

Ugo Foscolo

 
Sponsors