• 13955 Alla salute!
  • 13937 Mosconi sul sofà 5 nell’aula magna di Grono
Regionale
giovedì 26 settembre 2019.
Il Ciclo dei Mesi di Santa Maria del Castello e gli Arazzi dei Trivulzio
Conferenza con Proiezione - 5 ottobre 2019

Il Ciclo dei Mesi di Santa Maria del Castello e gli Arazzi dei Trivulzio Mesocco-Milano

L’influsso di un affresco di metà Quattrocento della valle prealpina di Mesolcina sulla più celebre serie di tessuti a ricamo del primo Cinquecento milanese

Tra i «pezzi forti» delle collezioni del Castello sforzesco di Milano spicca, pure per imponenza e fasto, la serie degli Arazzi dei mesi Trivulzio, esposta nella «sala della Balla», al primo piano della Rocchetta. Acquisiti dal Comune nel 1935, i dodici pezzi – uno per mese –, dimensioni metri 5 x 5, in apparenza densi di simboli indecifrabili, a un’indagine approfondita svelano una quantità e qualità singolare di rinvii storici, letterari ed esoterici collegati alla figura del committente, Gian Giacomo Trivulzio (Crema 1442 - Chartres 1518). Condottiere e consigliere ducale e regio, non solo a Milano, dagli Sforza ai Valois, dal 1467 al 1518, costui vi riversa richiami espliciti al casato e alla fortuna bellica; e altri, più impliciti e suggestivi, alle proprie inclinazioni per l’astrologia e le lettere latine e greche. Disegnati, è probabile da Bartolomeo Suardi il «Bramantino» (Milano c. 1465 - Milano 1530), architettati con consulenze del grecista Giovan Paolo Parisio «Aulo Giano Parrasio» (Cosenza 1470 - Cosenza 1520) e dell’astrologo Gabriele Pirovano, sono testimoniale di un carattere, un gusto, un’epoca. La conferenza illustrerà con immagini selezionate tali profili e la derivazione iniziale dagli affreschi del Ciclo dei Mesi, opera della bottega dei Seregnesi datata in genere al 1459-’69, in Santa Maria del Castello a Mesocco, feudo acquistato dal Trivulzio nel 1480 e ispezionato già nel 1481.

***********
CV

Marino Viganò (Varese, 1961), diplomato in scienze politiche all’Università Cattolica a Milano, addottorato in storia militare a Padova, è direttore della Fondazione Trivulzio di Milano. Ha in attivo svariati libri, tra i quali da curatore: Vita del Magno Trivulzio, di Giovan Giorgio Albriono e Giovan Antonio Rebucco, e Gian Giacomo Trivulzio. La vita giovanile 1442-1483, di Anonimo (Milano e Chiasso, 2013); Le imprese dell’illustrissimo Gian Giacomo Trivulzio il Magno, di Arcangelo Madrignano (Milano e Chiasso, 2014). Vive e lavora tra Milano e Locarno, alla cui Biblioteca ha donato un proprio fondo librario.

Locandina nell’allegato:

PDF - 2.4 Mb
top

La cosa più preziosa che puoi ricevere da chi ami è il suo tempo.
Non sono le parole, non sono i fiori, i regali. È il tempo.
Perché quello non torna indietro e quello che ha dato a te è solo tuo, non importa se è stata un’ora o una vita.

(David Grossman)

 
Sponsors