• 14757 Greenday 2020 – Festa della sostenibilità
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
  • 14617 Apphalthopolis
Comunicati
venerdì 15 novembre 2019.
AEC – Soazza 1895 - 2019
Dalle origini ai giorni nostri

Presentazione
Sabato 23 novembre 2019
ore 17.30
presso il Centro Culturale a Soazza

Questo lavoro è nato dal desiderio di descrivere in un’opera compiuta la storia e l’attualità dell’Azienda Elettrica del comune di Soazza. L’origine è connessa alla volontà dei nostri avi di Soazza di fruire dell’energia elettrica. La successiva evoluzione ci ha portato a un’intensa collaborazione tra i vari comuni e i diversi enti preposti. L’opera si avvale delle ricerche d’archivio, delle testimonianze degli addetti e soprattutto dalla passione di Carlo Rizzi, per 60 anni attivo nell’azienda. Cento anni di storia del paese sono riflessi in questo tema specifico della forza elettrica e delle sue applicazioni. In una ventina di capitoli, con foto e riproduzioni di documenti, sono condensati tutti gli avvenimenti.
Il ricavo dalla vendita del volume va a beneficio della Biblioteca comunale e del Centro Culturale di Circolo (Mesocco –Soazza- Lostallo) con sede a Soazza.
Grazie a tutte le collaboratrici e collaboratori.
Seguirà un rinfresco

L’autore

Carlo Rizzi, nato il 7 novembre 1937 da Battista e Teodora Mantovani, il 12 marzo 1956, inizia l’apprendistato di 4 anni come montatore elettricista presso la ditta Oscar Toscano di Mesocco. La ditta, oltre ad impianti interni elettrici e telefonici, eseguiva anche lavori sulle reti esterne per le Aziende Elettriche Comunali.
Nel 1968 viene assunto dalle Officine Idroelettriche della Mesolcina (OIM) fino al pensionamento nel 2001, mantenendo un buon rapporto con i datori di lavoro.
Nell’arco della sua vita ha ricoperto diverse cariche pubbliche, oltre all’AEC. È stato municipale, membro della sovrastanza patriziale e presidente del consiglio parrocchiale.
Inoltre, è stato socio attivo e membro di comitato in numerose società del paese.

PDF - 4.8 Mb
Locandina
top

“I bambini oggi sono dei tiranni. Contraddicono i genitori, ingoiano il loro cibo e tiranneggiano i loro insegnanti.”

Socrate

 
Sponsors