• 14779 Grono - Il mago Corona a Libri in Libertà
  • 14757 Greenday 2020 – Festa della sostenibilità
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
  • 14617 Apphalthopolis
Comunicati
martedì 18 febbraio 2020.
Bob Club Svizzera Italiana fine settimana di successo.

Sabato e domenica scorsi, sulla Olympia Bobrun di St. Moritz-Celerina, si sono tenuti i campionati svizzeri di bob e skeleton.
Per il Bob Club Svizzera Italiana é stato un fine settimana di indiscusso successo.



Cédric Follador e il suo team conquistano il secondo posto assoluto e medaglia d’argento, nella disciplina del bob a 2 dietro solo all’indiscusso pluricampione Beat Hefti, ritornato a gareggiare per l’occasione. Nella stessa gara, ma nella categoria Junior, con il giovane Mats Wyss alla sua prima gara nel bob a 2, il BCSI conquista un altro incredibile secondo posto. Per la svizzera italiana un successo che mancava dai tempi del Bob Club Lugano. In campo femminile le ticinesi Lia Decristophoris e la diciassettenne Giada Battaini, uniche concorrenti iscritte, si laureano campionesse svizzere nel bob a 2 e si attestano come terzo equipaggio svizzero dietro solo al Team Fontanive e al team Hasler. Philippe Wendel, prossimo alla pensione sportiva, raggiunge il meritato quinto posto ai nazionali e agguanta il gradino più basso del podio nella classifica generale di coppa svizzera.
Nella disciplina regina, il bob a 4, Il team Follador vince una meritata medaglia di bronzo dopo una gara giocata fino all’ultimo centimetro di tracciato.
Con questi importanti successi il BCSI continua la sua marcia trionfale iniziata già dai primi anni del giovane sodalizio e situa indubbiamente tra i primi 3 club svizzeri sia nella categoria junior che nella categoria master.
L’ultimo importante appuntamento stagionale sarà a inizio marzo, dove Lia Decristophoris dovrà difendere il titolo nazionale conquistato lo scorso anno nel monobob, nuova disciplina olimpica riservata alla categoria femminile.



top

Ognuno desidera che la vita sia semplice, sicura e senza ostacoli; ecco perché i problemi sono tabù. L’uomo vuole certezze e non dubbi, risultati e non esperienze, senza accorgersi che le certezze non possono provenire che dai dubbi e i risultati dalle esperienze.

(Carl Gustav Jung)

 
Sponsors