• 14930 Mascherina per ma...leducato!
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
Varie
lunedì 30 marzo 2020.
Emergenza coronavirus - L’ACSI resta al fianco dei consumatori

Malgrado le non poche difficoltà concrete, l’ACSI garantisce la sua presenza per continuare a fornire la propria assistenza ai consumatori della Svizzera italiana. Il servizio di consulenza Infoconsumi continua a rispondere a telefonate e e-mail. Il sito web acsi.ch e la pagina facebook ACSI – La Borsa della Spesa continuano a garantire l’informazione sui temi legati al consumo, insieme alla rivista La Borsa della Spesa.

In questo momento di crisi, un’informazione affidabile è particolarmente importante per i consumatori. L’ACSI cerca di fornire l’informazione che serve sui temi legati al Covid-19 e al mondo dei consumi tramite i suoi canali di comunicazione (rivista La Borsa della Spesa, sito acsi.ch e pagina facebook ACSI – La Borsa della Spesa). Allo stesso modo, viene garantito il servizio di consulenza Infoconsumi, raggiungibile telefonicamente tutte le mattine dalle 08.30 alle 11.30. Anche se purtroppo gli uffici della sede di Lugano-Pregassona hanno dovuto chiudere le porte al pubblico.

Fra i temi che più preoccupano i consumatori in questo momento delicato, l’ACSI riscontra in particolare il problema degli annullamenti di viaggi, vacanze, voli, eventi e manifestazioni culturali o sportive di vario genere, con il relativo rimborso. Sul sito acsi.ch sono reperibili informazioni utili.

Altrettanto importante è l’individuazione e segnalazione di truffe e bufale. Da notare per ora i raggiri telefonici indirizzati soprattutto agli anziani, proponendo la vendita di prodotti naturali come cure contro il Covid-19 o cercando di carpire informazioni personali spacciandosi per operatori sanitari. Sono anche circolate alcune e-mail fasulle solo in apparenza provenienti dall’Ufficio federale della sanità pubblica, i cui allegati, se aperti, installano un virus sul computer del malcapitato. L’ACSI raccomanda la massima prudenza.

In tema di acquisti alimentari, l’ACSI ribadisce che accaparrandosi quantità eccessive di alcuni prodotti si creano disagi a tutti gli altri consumatori, che ne rimangono sprovvisti. Fare qualche scorta si può, a patto però di non esagerare. Anche per evitare di generare inutili sprechi dovendo poi gettare prodotti scaduti. Sul sito dell’ACSI vengono pubblicati consigli utili per fare la spesa senza sprecare e per riutilizzare eventuali resti.

Infine l’ACSI ricorda che chi ha modelli alternativi di assicurazione malattia, non deve dimenticarsi di telefonare al proprio medico di famiglia o al centro di telemedicina nel caso in cui avesse problemi di salute.

Per informazioni: Laura Regazzoni Meli, segretaria generale, 079 7251418

top

Colpisci te stesso prima, per capire il dolore che daresti.

Proverbio cinese

 
Sponsors