• 14617 Apphalthopolis
Varie
sabato 16 maggio 2020.
Coronavirus: adeguamento temporaneo delle disposizioni cantonali sulla caccia

Nell’interesse di una regolamentazione uniforme, nel 2020 il Cantone dei Grigioni rinuncia all’annuale tiro di caccia obbligatorio. I cacciatori grigionesi potranno perciò acquistare la licenza per i diversi tipi di caccia senza presentare l’attestato di tiro. Vengono inoltre adeguati i presupposti per l’ammissione all’esame sulle armi e di tiro 2020.

Il conseguimento di un attestato di tiro costituisce un presupposto affinché i cacciatori grigionesi possano acquistare la licenza per i diversi tipi di caccia. A seguito delle misure di protezione prescritte dal Consiglio federale, quest’anno non è possibile garantire una normale attività di tiro nel settore militare e della caccia. Per questa ragione la Confederazione ha rinunciato al tiro obbligatorio. Inoltre non è ancora chiaro se dopo l’8 giugno 2020 le misure di protezione saranno ulteriormente allentate o se vi sarà una nuova ondata pandemica. A seguito della situazione attuale, la Conferenza svizzera dei servizi della caccia e della pesca (CCP) ha raccomandato ai Cantoni di rinunciare alla richiesta dell’attestato di tiro di caccia per il 2020. Per via della pandemia di coronavirus, nel 2020 numerosi Cantoni hanno già rinunciato a richiederlo.

Regolamentazione uniforme
A seguito delle difficoltà menzionate e nell’interesse di una regolamentazione uniforme tra i Cantoni, nel 2020 anche nei Grigioni si rinuncia all’annuale tiro di caccia obbligatorio. Quest’anno l’attività di tiro di caccia nei Grigioni viene organizzata in modo tale che i cacciatori grigionesi possano soddisfare gli obblighi previsti dalla legge esercitando la precisione di tiro e aggiustando il tiro dell’arma per la relativa caccia prima dell’inizio della caccia.

Preparazione abbreviata all’esame sulle armi e di tiro 2020
Le misure di protezione decise dal Consiglio federale incidono in modo importante anche sullo svolgimento degli esami di idoneità alla caccia. A seguito delle misure di protezione decise a metà marzo dal Consiglio federale e delle restrizioni a ciò associate in relazione alla preparazione all’esame di caccia, sono stati adeguati i presupposti per l’ammissione all’esame sulle armi e di tiro 2020. Anziché almeno 30 ore di cura della selvaggina e 18 ore di istruzione all’arma e al tiro, nel 2020 quale presupposto per l’ammissione all’esame sulle armi e di tiro saranno richieste soltanto 10 ore di cura della selvaggina e 6 ore di istruzione all’arma e al tiro. I requisiti per gli esami rimangono invariati.

top

Il Maestro apre la porta, ma tu devi entrare da solo.

(Proverbio cinese)

 
Sponsors