• 14531 Chi fu quel desso!
Varie
giovedì 18 giugno 2020.
Stambecco: cento anni fa il ritorno del re delle Alpi

(ats) L’orgoglioso animale in bella mostra sullo stemma dei Grigioni era quasi estinto. Poi dei bracconieri contrabbandarono lo stambecco dall’Italia alla Svizzera. Sabato ricorrerà il centenario del reinsediamento del re delle Alpi.

Oggi nel Parco nazionale svizzero di Zernez (GR) vivono circa 300 esemplari, mentre nell’intero arco alpino si stimano circa 40’000 capi. La totalità di questi animali selvatici discende dalla popolazione residua che dimorava nella riserva di caccia reale del Gran Paradiso (Val d’Aosta), ricorda il Parco nazionale in un comunicato. Ciò significa che la variabilità genetica degli stambecchi di oggi è relativamente bassa. Come questo fatto influenzerà la popolazione in futuro non è dato sapere.

Sono diverse le ragioni che avevano portato alla quasi completa estinzione dello stambecco. L’avvento delle armi da fuoco nel XVI secolo portò a una caccia intensiva e le foreste dovettero cedere il passo ai pascoli. Anche la superstizione ebbe un ruolo importante. A quasi ogni parte del corpo dello stambecco era stato attribuito un effetto curativo. Furono utilizzati sangue, midollo osseo, milza e corna.

Lo stambecco scomparve nei Grigioni intorno al 1640, anche se in precedenza era stato emanato un divieto di caccia. Nel 1809 fu abbattuto l’ultimo stambecco nel Vallese.

Musica bandistica per il ricevimento

Alcuni stambecchi erano sopravvissuti nella zona del Gran Paradiso nell’Italia del nord. Fu il sovrano italiano Emanuele II ad occuparsi personalmente della loro protezione. Tuttavia, nella fase di reintroduzione in Svizzera non dimostrò alcuna volontà di mettere a disposizione degli esemplari per l’allevamento.

Allora furono assunti dei bracconieri, scrive il Parco nazionale. Dal 1906 in poi questi, rischiando la propria vita, fecero entrare furtivamente in Svizzera dei piccoli di stambecco dal Gran Paradiso. Gli animali furono dapprima allevati nel parco faunistico Peter und Paul di San Gallo, ma i primi rilasci in libertà nella Weisstannental sangallese e sul Piz Ela nel Grigioni centrale non ebbero successo.

Il 19 giugno 1920, sette casse di stambecchi arrivarono a Zernez in Engadina e il ricevimento alla stazione fu accompagnato da musica bandistica e da una grande folla. Durante il rilascio alcuni maschi si allontanarono per affrontare la vita selvatica, mentre alcune femmine si insediarono nei pressi del Piz Albris poco distante da Pontresina. Secondo il Parco nazionale fu l’impulso determinante per la fondazione dell’omonima colonia.

top

Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità.
A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell’animo nostro.

Epicuro

 
Sponsors