• 14531 Chi fu quel desso!
Regionale
lunedì 22 giugno 2020.
Benvenuta, Anna Giacometti!

Da parte del gruppo Roré Viva accogliamo con soddisfazione l’arrivo dell’ex sindaco di Bregaglia, Anna Giacometti, e non potrebbe essere altrimenti visto gli ultimi sviluppi della politica nostrana.

Al di là del filo-politico della signora Giacometti, che la vede legata al PLR, non bisogna dimenticare che l’ex sindaco arriva con il ruolo di mediatrice e non come esponente del partito Liberale. Quindi, si dovrà approcciare al municipio in un ruolo neutrale, che la fissa già sin d’ora come figura di raccordo e di ausilio nella comunicazione, troppo spesso mancante all’interno del municipio di Roveredo.
Se tutto ciò si tradurrà in una maggiore dinamicità del processo decisionale, all’interno dell’esecutivo, può essere soltanto una buona notizia per Roveredo ed i suoi cittadini. Giova comunque ricordare come al momento tutte le questioni arrivate sul tavolo municipale sono sempre state accettate all’unanimità.
Segno che - in ogni caso - non si è in presenza di una situazione del tutto irreparabile. Il gruppo Roré Viva non si è mai sottratto in nessun modo al dialogo con le altre fazioni politiche né tanto meno ha volutamente rallentato lo sviluppo del nostro amato territorio.
Da parte nostra speriamo vivamente che la signora Giacometti ci ascolti come gruppo civico, poiché va ricordato che noi non rappresentiamo alcun partito politico bensì un gruppo di cittadini che confida sulle potenzialità di Roveredo ed ha a cuore la realizzazione di diversi obiettivi in grado di migliorare la vita degli stessi cittadini.
La stessa ex sindaca di Bregaglia può apportare sicuramente un carico di esperienza importante non tanto come conoscenza dal punto di vista delle vicende roveredane (che ovviamente non può avere), quanto dal lato del valore umano, visto quanto accorso qualche anno fa con la frana del Pizzo Cengalo in Val Bregaglia.
A questo punto siamo fermamente convinti che con la sua presenza riusciremo a concludere i progetti in essere, che fino ad oggi sono stati al centro di fortissime pressioni politiche, talvolta decisamente ingiuste. Alcuni esempi: l’approvazione del nuovo piano d’area, l’avanzamento dell’agognata ricucitura, il ponte al Sassello, il nuovo centro sanitario Moesa: tutte opere che sono degne d’interesse per la comunità. E che sono da considerarsi primarie rispetto ad altre questioni che talvolta hanno il sopravvento.
Ci auspichiamo, inoltre, che durante il periodo nel quale Giacometti parteciperà all’iter decisionale municipale ci si chinerà sulla problematica riguardante la modifica del regolamento delle votazioni, passando dal sistema proporzionale al sistema maggioritario. In questo modo si garantirebbe non solo maggiore flessibilità ma si raggiungerebbe anche una certa stabilità tra le forze politiche del paese.
Una Roveredo troppo spesso falcidiata da scontri politici dovuti all’incertezza numerica, che più che creare un compromesso, avvelenano l’esercizio del compromesso stesso. Pratica fondamentale in politica.
Ci auguriamo fermamente che i personalismi si facciano da parte e prenda il largo un modo più conciliante di fare politica.
Gruppo Roré Viva

top

Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità.
A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell’animo nostro.

Epicuro

 
Sponsors