• 14930 Mascherina per ma...leducato!
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
Politica
sabato 1 agosto 2020.
Rientro scolastico: evitiamo il disastro per gli studenti!

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti (SISA), in previsione dell’imminente decisione Dipartimentale, ci tiene a rimarcare pubblicamente la propria posizione in merito alla ripresa della scuola ticinese. Ben consci di una situazione epidemiologica incerta e in continuo movimento, affidandoci pertanto alle mani degli esperti in materia sanitaria, è in ogni scenario fondamentale fare tesoro dell’esperienza accumulata nel corso dello scorso semestre per evitare che gli effetti negativi del modello a distanza possano ripresentarsi e aggravare la situazione del corpo studentesco.

In questo senso, ribadiamo come il modello d’insegnamento a distanza sia da evitare su tutta la linea nel caso non sia strettamente necessario in ragione, oltre che della sua antidemocraticità, del peggioramento della qualità dell’insegnamento stesso: è impensabile che nuovi elementi si possano acquisire senza un contatto diretto con un docente. Perciò, qualora le indicazioni sanitarie lo permettano, invitiamo il DECS a seguire l’esempio dell’Università di Neuchâtel, la quale offrirà ai propri studenti delle mascherine riutilizzabili al fine di garantire il maggior numero di lezioni in presenza: qualora si possano seguire le lezioni di persona unicamente indossando le mascherine, invitiamo il Dipartimento a seguire questa strada e distribuire gratuitamente le mascherine al corpo studentesco e docente.

Il sindacato studentesco esprime pertanto la necessità che il Dipartimento si attivi finanziariamente per garantire le lezioni in presenza e per colmare le lacune formative accumulate nello scorso semestre di scuola “da casa”. È dunque di imprescindibile importanza che vengano garantite le risorse per lo svolgimento di corsi di recupero pubblici, gratuiti e di qualità, concepiti sia come dei corsi facoltativi relativi alle materie specifiche che come doposcuola. Sempre dal profilo finanziario, oltre a fornire le mascherine, lo Stato deve farsi carico delle differenze materiali che si presentano nella scuola e dunque deve fornire a tutto il corpo studentesco gli strumenti informatici necessari per lo svolgimento delle attività didattiche, a prescindere dalla modalità d’insegnamento – in presenza e/o a distanza. Inoltre, ci attendiamo una rapida risposta alle rivendicazioni contenute nella nostra petizione consegnata a fine giugno e corredata da circa 500 firme, che richiede l’introduzione di aiuti finanziari straordinari per gli studenti messi in difficoltà dalla pandemia. Dal profilo didattico è necessario che vi siano delle garanzie sul carico di lavoro e che si sospenda nuovamente il limite di bocciature: le misure introdotte lo scorso semestre per evitare un terremoto in termini di bocciature e dispersi del sistema scolastico hanno permesso agli studenti di vivere serenamente un periodo difficile, tuttavia evitiamo che il disastro venga semplicemente posticipato di un anno.

In generale il sindacato studentesco si oppone ad ogni forma di avanzamento della componente a distanza nell’insegnamento, spesso presentata come una moderna “digitalizzazione” e dunque come un elemento di progresso per la scuola ticinese, al punto che in alcuni settori scolastici la pandemia ha costituito il pretesto per procedere a tappe forzate in questo senso: secondo i piani attualmente previsti, nelle scuole professionali sono infatti previste delle ore di insegnamento a distanza anche se la situazione sanitaria non lo dovesse richiedere! In realtà, ora come ora, tale processo rappresenta solo una minaccia per la qualità dell’insegnamento e la socializzazione delle studentesse e degli studenti: la scuola è fatta di persone, non di numeri da selezionare e formattare a distanza. Vogliamo sperare che il DECS non voglia usare la pandemia per imporre una scuola simile senza alcun dibattito in merito!

top

Colpisci te stesso prima, per capire il dolore che daresti.

Proverbio cinese

 
Sponsors