• 14757 Greenday 2020 – Festa della sostenibilità
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
  • 14617 Apphalthopolis
Politica
venerdì 28 agosto 2020.
Comunicato del Governo del 27 agosto 2020

Il Governo ha prorogato il termine di annuncio per domande di contributo dal fondo per casi di rigore COVID-19 e al contempo ha aumentato la soglia della cifra d’affari. Inoltre ha deciso di sostenere con un contributo cantonale la commercializzazione di prodotti agricoli regionali.

Fondo per casi di rigore COVID-19: il Governo ha prorogato il termine di annuncio e aumentato la soglia della cifra d’affari

Al fine di attenuare i casi di rigore economico in relazione al coronavirus il Cantone ha istituito un fondo per casi di rigore dotato complessivamente di 10 milioni di franchi. In questo modo le piccole imprese con sede nei Grigioni sulle quali i provvedimenti decisi dalle autorità per combattere il coronavirus hanno inciso in modo particolarmente grave saranno sostenute mediante contributi a fondo perso fino a 30 000 franchi.
Il Governo ha deciso di prorogare fino al 18 ottobre 2020 il termine per presentare le domande. Ha inoltre aumentato la soglia della cifra d’affari. Se finora avevano diritto di presentare una richiesta solo le imprese con una cifra d’affari annua pari al massimo a 2,5 milioni di franchi, quale novità possono chiedere un sostegno dal fondo per casi di rigore anche le imprese con una cifra d’affari non superiore a 3,75 milioni di franchi. Nella loro domanda le imprese devono motivare con precisione il perché a seguito del coronavirus sarebbero confrontate a un caso di rigore ovvero a una situazione di incidenza particolarmente grave (secondo i criteri previsti dall’ordinanza cantonale sui casi di rigore COVID-19). Alla domanda deve essere allegata la documentazione necessaria.
Ulteriori informazioni: www.dvs.gr.ch, Fondo per casi di rigore

Al fine di attenuare i casi di rigore economico in relazione al coronavirus il Cantone ha istituito un fondo per casi di rigore dotato complessivamente di 10 milioni di franchi.

Maggiore visibilità per i prodotti regionali

Il carattere regionale, l’origine delle materie prime come pure percorsi di lavorazione brevi e i flussi di merci regionali sono sempre più al centro dell’attenzione dei consumatori. Quale compito permanente, il Cantone dei Grigioni sostiene il miglioramento del valore aggiunto regionale attraverso investimenti nell’infrastruttura e in una migliore commercializzazione dei prodotti agricoli regionali. Sul piano dei costi numerose strategie si trovano tuttavia confrontate a un conflitto tra obiettivi: per risultare interessanti per i clienti devono offrire un assortimento di una certa ampiezza, difficilmente raggiungono però economie di scala. L’idea commerciale "wir machen die Regionalität sichtbar" ("rendiamo visibile il carattere regionale") parte proprio da qui.
Il Governo ha garantito alla start up Graubünden Vivonda AG un contributo cantonale pari al massimo a 1,08 milioni di franchi a favore del progetto "wir machen die Regionalität sichtbar". Vi si aggiunge un contributo federale per un importo di 160000franchi che sarà messo a disposizione del progetto durante la fase di attuazione negli anni 2021-2023. In questo modo l’impresa dovrà creare una struttura professionale che commercializzi i prodotti grigionesi e li venda in diversi luoghi nel Cantone dei Grigioni nonché in tutta la Svizzera tramite i canali esistenti. Una parte sostanziale del modello commerciale di Graubünden Vivonda AG è costituita inoltre da una produzione propria. In una prima fase Graubünden Vivonda AG ha in programma di investire nella tecnologia di essiccazione, al fine di poter essiccare frutta o verdura. Per la vendita e la commercializzazione dei prodotti regionali è previsto un primo punto vendita a Jenaz, accanto al caseificio Biokäserei Prättigau, che fungerà al contempo anche da sito di produzione e centro di distribuzione per ulteriori punti vendita. Il primo punto vendita supplementare sarà avviato all’interno dell’area di servizio Heidiland a Maienfeld, dato che lì vi è la possibilità di sperimentare il modello commerciale senza effettuare grandi investimenti. Per la realizzazione dei primi punti vendita a Jenaz e Maienfeld sono previsti investimenti per un importo complessivo pari a 4,14 milioni di franchi.

Il carattere regionale, l’origine delle materie prime come pure percorsi di lavorazione brevi e i flussi di merci regionali sono sempre più al centro dell’attenzione dei consumatori.

Imparare a leggere e scrivere in sursilvan, surmiran e italiano

Il Governo ha dato il via libera all’Ufficio per la scuola popolare e lo sport per l’elaborazione di un libro di lettura in sursilvan, surmiran e italiano. Già dall’estate del 2016 un simile testo didattico di prima lettura e scrittura viene utilizzato quale testo obbligatorio nelle scuole con lingua scolastica puter, vallader e sutsilvan, dove si è dimostrato valido. Il concetto dovrà perciò trovare applicazione anche per i nuovi libri di lettura nelle altre lingue scolastiche sursilvan, surmiran e italiano. Le scuole e le classi nelle quali l’insegnamento si svolge in rumantsch grischun possono continuare a utilizzare il libro di lettura "Passins", pubblicato nel 2007.
Sul piano concettuale i nuovi libri di lettura si rifanno al testo didattico in lingua tedesca "Leseschlau" e associano quest’ultimo a elementi grafici dell’attuale libro di lettura "Passins" in rumantsch grischun. Secondo questo metodo, in una prima fase i bambini leggeranno e comporranno delle parole attraverso delle tavole fonetiche. Solo in una seconda fase si dedicheranno alle lettere. Esse saranno introdotte solo una volta che i bambini dimostreranno dimestichezza con i suoni. Questo approccio va a beneficio soprattutto dei bambini più deboli, ma anche dei bambini che al momento della scolarizzazione sanno già leggere nonché dei bambini alloglotti. Inoltre anche nella logopedia e nella scuola dell’infanzia sarà possibile lavorare con elementi di questo libro. I costi per l’elaborazione e la produzione del testo didattico ammontano a circa 640 000 franchi.

top

“I bambini oggi sono dei tiranni. Contraddicono i genitori, ingoiano il loro cibo e tiranneggiano i loro insegnanti.”

Socrate

 
Sponsors